CONDIVIDI

CONSIGLI DA SEGUIRE NELLA QUOTIDIANITÀ’ SE SI SOFFRE DI TIROIDITE DI HASHIMOTO 

Tiroidite di hashimoto si cura prima con l’alimentazione

* Non utilizzare plastica, teflon e padelle antiaderenti;

* Evitare la presenza di tossine nei cibi, ovvero di quelle sostanze pericolose per il corpo umano, quali metalli pesanti (arsenico, cadmio, piombo, mercurio), le micotossine (rilasciati dalle muffe) e gli agenti chimici industriali impiegati in ogni processo produttivo industriale e dai contenitori di plastica. Questi possono indurre l’atrofizzazione del timo, impedendogli di produrre sufficienti cellule T regolatorie che funzionino adeguatamente, escono dai binari attaccando la ghiandola tiroidea ed altri organi dell’organismo;

* Attenzione e rimuovere otturazioni dentali (argento, alluminio, arsenico, cadmio e piombo);

* Pericoli elettronici: spegnere il router di notte, no cellulare vicino la testa (usa gli auricolari), di notte metti il cellulare in modalità aereo;

* Ridurre lo stress attraverso varie tecniche di rilassamento (yoga-meditazione-musicoterapia, respirazione);

* Non riutilizzare contenitori in plastica usurati o monouso per alimenti e bevande;

* Durante la cottura dei cibi garantisci un’adeguata ventilazione dei locali e utilizza cappe di aspirazione;

* Limita la combustione di incenso e il fumo di candela ed evita il fumo di sigaretta negli ambienti dove vivi;

* Evita il consumo di alimenti con parti carbonizzate/bruciate e limita l’uso di alimenti affumicati, elimina dai cibi le parti bruciate (anche dalla pizza);

* Evita materassi per lettini con rivesti
mento o telo impermeabile non conforme alle norme vigenti e comunque evita rivestimenti per materassi in PVC morbido contenente DEHP;

* Lascia che i liquidi caldi si raffreddino prima di travasarli in contenitori di plastica non destinati all’uso di elevate temperature;

* Eliminare l’uso di bere acque oligominerali contaminate da interferenti endocrini – tipo la Levissima (contenente arsenico naturalmente presente alla sorgente in concentrazione superiore alla soglia di tollerabilità da parte dell’organismo; la S. Anna (possibile contaminazione da diossine anche se ha un R.F. a 180° inferiore a 50 mg/ L). Assumere acque oligominerali MINIMAMENTE mineralizzate R.F. inferiore uguale a 50 mg/L;

* Eliminare l’uso di cosmetici (rossetti), deodoranti, profumi, shampoo non neutro, detersivi tipo Dash, Dixan, Winni’s. Sostituire detersivi, saponi, eliminare deodoranti e profumi con GREEN NATURAL (per lavare la biancheria, doccia e shampoo), NUNCAS e GLUCONATURA (per pulire casa), acido citrico in polvere diluito (per pulire il water). No deodoranti, per togliere il cattivo odore dalle ascelle 1 VOLTA AL GIORNO: 1 cucchiaio di ACETO DI SIDRO DI MELE bio, 3 gocce di O.E. di rosmarino, 5 gocce di O.E. di coriandolo, 1 cucchiaio di argilla ventilata; mescolare aceto + argilla, aggiungere gli oli essenziali, applicare per qualche minuto 1 volta al giorno per un po’ di giorni fino ad eliminazione del cattivo odore. EVITARE SMALTI di qualunque tipo, tinte per capelli.
dott. Garritano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here