CONDIVIDI

“Quando c’è la salute c’è tutto”, vero, ma quando siamo noi ad intaccare la nostra salute e non siamo in grado di smettere cosa possiamo fare? Succede a Zoe Cross, una giovane ragazza dipendente dal bere massicce dosi al giorno di coca cola.

Purtroppo tutti ti dicono non fumare, non bere alcol, non guidare ubriaco, ma chi ti dice non bere coca cola?

Sì, si sa che tutto portato all’eccesso può essere, o per meglio dire, sicuramente sarà nocivo per la salute, ma non è sempre facile prevenire le sventure che il nostro corpo potrebbe subire, infatti la giovane Zoe si trova già nella fase del dover curare una brutta infezione aggravata da disidratazione causata dall’assunzione di dosi massicce di bevanda gassata. Purtroppo sulle lattine di coca cola non c’è scritto “nocivo per la salute” oppure “non bere più di un tot al giorno”.

Da questa storia ognuno di noi può imparare molto, come ad esempio il fatto che non ci si può fidare di tutto e di tutti e che non dobbiamo dare per scontato che le cose che ritroviamo nella nostra quotidianità ci facciano bene, tutto può essere dannoso per la salute, bisogna sempre avere un occhio di riguardo per dei rapporti che si vede che vanno degenerando.

Detto ciò torniamo a Zoe Cross. Il suo rapporto con la coca cola è degenerato già da anni, quando all’inizio della sua adolescenza ha iniziato a bere 24 lattine al giorno di coca cola. Questo rapporto nocivo si è accentuato quando Zoe ha iniziato a lavorare a Subway, una catena di fastfood dove i dipendenti potevano bere bevande gassate senza alcun limite.

Il lavoro di Zoe, così dipendente dalla coca cola, può essere paragonato ad un tossico che serve la sua qualità preferita di eroina. Assolutamente da evitare. Infatti Zoe è collassata ed è stata portata in ospedale dove gli è stata diagnosticata un’infezione, che si pensava fosse stata causata da una lattina sporca, ma quest’ipotesi fu smentita subito dopo, quando Zoe, dopo essersi ripresa, ha bevuto la sua razione giornaliera di coca cola, che la portò a collassare nuovamente. Ora per i medici è fondamentale che lei smetta di assumere questa bevanda o i suoi reni potranno smettere di funzionare e lei potrebbe pagare questo suo vizio con la vita.

L’azienda di Atalanta che è stata interrogata da The Sun sull’accaduto smentisce che la coca cola sia dannosa per la salute ma che comunque, come tutte le cose, deve essere assunta in dosi moderate.

La giovane diciottenne in un’intervista dice che se non assume coca cola le viene un forte mal di testa ma che si impegnerà a smettere di berla. Io dal mio canto spero che questa giovane ragazza riacquisti il gusto della vita e che esageri solo nel viverla al meglio perché ci han concesso solo una vita, soddisfatti o no, qua non rimborsano mai.

Caterina Perilli

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.