Proseguono senza sosta le ricerche tra la neve e le macerie della struttura dell’hotel Rigopiano di Farindola sul Gran Sasso travolto dalla neve. Il bilancio attuale è di 4 morti e 25 dispersi. Dopo la slavina che si è staccata dalla montagna il resort, che si trova a due passi dal Gran Sasso, è stato sommerso da tonnellate di neve, detriti e alberi sradicati. Da quando sono arrivati i soccorsi nelle prime ore della mattinata di ieri, giovedì 20 gennaio, le ricerche proseguono ininterrottamente e le vittime accertate sarebbero 4 anche se fino ad ora sono stati recuperati solo tre corpi. Il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio si attiene ad un bilancio più prudente secondo cui i morti accertati sarebbero solo due. 

Il sindaco di Farina, Ilario Lacchetta, però ammette che con il passare delle ore le speranze di trovare qualcuno in vita si riducono sempre di più. 

Man mano che passano le ore ci si interroga anche su quel che si poteva fare nelle ore antecedenti alla slavina dato che molti dei clienti dell’hotel Rigopiano avevano già manifestato segni di preoccupazione per l’elevata quantità scesa in breve tempo alle pendici del Gran Sasso. Tra i clienti presenti al momento della slavina c’erano persone provenienti da Marche, Umbria, Lazio e altre regioni. I loro parenti hanno raggiunto con difficoltà la zona in attesa di notizie. 

Attualmente solo due persone sono scampate alla valanga di neve: il manutentore dell’hotel e un ospite che al momento della valanga era uscito per andare a prendere una pastiglia per la moglie. La moglie e i due figli dell’uomo sono ancora sotto le macerie. Lo stesso direttore dell’hotel Bruno Di Tommaso ha precisato che nei momenti che hanno di poco preceduto la valanga tutto lo staff si trovava nella zona del bar, mentre gli ospiti erano tutti nella hall poiché si stavano preparando per andare via ed erano in attesa di uno spazzaneve dal prima pomeriggio. Sulla vicenda la procura di Pescara ha aperto un’inchiesta per disastro colposo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.