Marciapiede con corsia riservata a chi usa lo smartphone

La tecnologia si è ormai impossessata della nostra vita, sono davvero pochi i momenti in cui riusciamo a separarci da lei. In casa, fuori casa, ovunque andiamo lei c’è. Uscireste mai di casa senza il vostro adorato smartphone? È sicuramente una delle prime cose che mettete in borsetta o nella tasca dei jeans! Sono tante le persone che non riescono proprio a farne a meno.

E così, guardarsi attorno mentre siamo a spasso diventa un’avventura memorabile: la gente usa il cellulare in qualsiasi contesto! Non esistono più quelle sane chiacchierate seduti al tavolino di un bar, ormai si vedono solo ragazzi e ragazze che chattano ognuno per gli affari suoi. Un comportamento che tende a far vacillare le teorie sull’evoluzione della specie!

Il problema subentra nel momento in cui non si smette di mandare messaggini, tweet ed e-mail nemmeno mentre si cammina. Il rischio è infatti quello di essere investiti! Come se non bastassero le macchine, ora bisogna stare attenti pure ai  pedoni!

Ma a Washington hanno trovato la soluzione: il marciapiede diviso a metà, una per i pedoni che non usano il cellulare e l’altra per coloro che proprio non riescono a separarsi dal loro smartphone.

Una simpatica scritta segnala la corsia dedicata agli accaniti utilizzatori di cellulari “Passeggiate da questa parte a vostro rischio e pericolo!”. Non solo, questa parte di marciapiede è disseminata di frecce che guidano il pedone mentre guarda il display del telefono, visto che il suo sguardo, essendo rivolto verso il basso, non si sofferma su ciò che lo circonda.

In realtà, non si tratta di un’invenzione strategica della città, ma di un’idea legata alla National Geographic, una sorta di esperimento sociologico. L’obbiettivo sembrerebbe quello di filmare le reazioni dei passanti per poi inserirle nel programma “Mind Over Masses”.

Non sarebbe male se le città adottassero davvero questa soluzione! Voi cosa ne pensate?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.