uragano maria

Dopo le devastazioni di Irma, la tempesta più forte registrata nella zona dell’Atlantico nell’ultimo decennio, adesso è la volta dell’uragano Maria. Gli esperti USA lo hanno definito “potenzialmente catastrofico”.

Passato da tempesta tropicale a uragano, si prepara a devastare le isole Leeward, colpendo anche Guadalupa, St. Kitts, Nevis, St. Lucia. Previsto è anche un avvicinamento a Porto Rico. Intanto, nelle ore scorse, Maria ha raggiunto Dominica. Il primo ministro ha raccontato su Facebook di essere stato costretto ad abbandonare la sua casa, privata del tetto dalla forza dell’uragano.

I venti sono saliti d’intensità

Anche se la pressione nell’occhio dell’uragano Maria è scesa, i venti sono diventati più veloci, superando i 165 km/h. L’arrivo su Porto Rico è previsto per giovedì. Ci si sta preparando a venti con raffiche che superaranno i 200 km/h. 

Secondo le previsioni degli esperti, Maria potrebbe portare sulle isole fino a mezzo metro di pioggia. 

Le cose stanno andando leggermente meglio più a nord. Sulla costa atlantica degli USA, infatti, si controlla da lontano la situazione dell’urgano Jose. Attualmente si trova tra Bermuda e Nord Carolina. 

Sono previsti cambiamenti per la notte tra martedì e mercoledì, durante la quale le propaggini più occidentali dell’uragano potrebbero toccare la costa.

Ecco perché in Delaware e in Massachusetts è stato diramato un bollettino di allert per tempesta tropicale e sono state annunciate piogge intense. 

Lee, che segue Maria a est, è stata invece declassata a tempesta tropicale.

Tornando ai potenziali effetti dell’uragano Maria, definito “estremamente pericoloso” dal Centro Nazionale Uragani degli USA, è bene ricordare che sono arrivati i primi provvedimenti da parte delle autorità delle isole interessate dal passaggio.

A Guadalupa, per esempio, è stato dato ordine di evacuare le zone a rischio a partire dalle 20.00 di stasera (orario italiano). Secondo le autorità francesi dell’isola, sono molto probabili inondazioni e smottamenti di terreno.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.