CONDIVIDI

Dati Istat su disoccupazione: è polemica

Ormai, nell’era multimediale in cui viviamo, non è raro che le notizie vengano estrapolate direttamente dai social network. Ha fatto molto discutere la dichiarazione rilasciata dall’Istat, a mezzo Twitter, su occupazione e disoccupazione.

L’istituto di statistica ha risposto a un utente che chiedeva delucidazioni sulla sua posizione lavorativa. “Vorrei sapere come effettuate le statistiche io lavoro con un voucher da 8 ore al mese cosa sono occupato o disoccupato?”. La replica dell’Istat ha sollevato non poche polemiche, riaccendo le perplessità in relazione ai suoi meccanismi di rilevamento statistici: “È considerato occupato se nella settimana di riferimento dell’indagine ha lavorato almeno un’ora, confronta il Glossario.”

Dopo tale risposta, il web si è scatenato. Tanto che l’istituto, sempre attraverso Twitter, si è visto costretto a mettersi sulla difensiva specificando di far riferimento agli standard condivisi a livello internazionale, secondo i quali si definiscono occupati coloro che, dai 15 anni in sui, hanno svolto:

  • almeno un’ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura;
  • almeno un’ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente
  • sono assenti da lavoro (per ferie o malattia, per es.).

Non si tratta di una novità. I criteri dell’Istat sono già stati criticati in passato, ma c’è ben poco da scandalizzarsi, perché ci troviamo di fronte a procedure standardizzate a livello europeo. “Tutti i Paesi sono tenuti ad adottare la stessa definizione in base ai regolamenti comunitari.”

I dubbi sorgono spontanei. Alla luce di quanto dichiarato dall’Istat, come dobbiamo interpretare i dati che parlano di un aumento dell’occupazione italiana?

istat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.