CONDIVIDI

Cos’è l’underboob?

Una volta che la moda parte, chi la ferma più? Quella del selfie sembra ormai inarrestabile! Ovunque siamo, che sia un parco, un supermercato, un ristorante, vediamo qualcuno in posa per l’autoscatto più famoso del mondo.

Il selfie ha ormai invaso le nostre vite, “in tutti i modi, in tutti i luoghi e in tutti i laghi”, direbbe Valerio Scanu. Ma non è rimasto immutato, si è evoluto, ha cambiato volto, o meglio, zona del corpo di riferimento.

Dal selfie siamo passati al belfie, il selfie al lato B, all’helfie, i selfie ai capelli, il welfie, il selfie mentre si fa ginnastica, per passare poi ai selfie con gli animali da compagnia o a quelli con il fidanzato dopo aver fatto l’amore.

Ma non è finita qui! Direttamente dagli Stati Uniti arriva l’ennesima variante: l’underboob. Con questa novità entriamo però in un’altra dimensione di questa mania, varcando la soglia dell’hot!

L’uderboob ha come protagonista il seno, fotografato però da una prospettiva particolare: è la parte bassa del décolleté ad essere al centro dell’attenzione.

Le ragazze piazzano lo smartphone all’altezza dell’ombelico e si sollevano maliziosamente la maglietta lasciando scoperto il seno solo nella sua parte inferiore. La regola è il “vedo non vedo”.

In realtà, anche questa non è altro che l’ultima frontiera in termini di selfie al seno. Sulla scena era già apparso il sideboob, ovvero, recuperando un termine del gergo cinematografico, la ripresa di profilo del seno (quasi) scoperto.

Se su facebook si rincorrono i “mi piace” a questi scatti, l’opinione pubblica è invece piuttosto critica: quella che sembrava una moda innocente ha ora preso una deriva di cattivo gusto, che arriva a coinvolgere ragazze di ogni età, giovani donne che per un like in più sono disposte a tutto.

Polemiche giuste o eccessive? Voi cosa ne pensate? Preferite fermarvi al classico selfie o apprezzate anche la variante hot? CONTINUA A LEGGERE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.