Nelle ultime ore si è nuovamente tornati a parlare della pensione di garanzia per i giovani. Il Pd, nelle vesti di Tommaso Nannicini, ha difatti, comunicato che presenterà una nuova proposta sul tema. In seguito alla notizia è stato intervistato Michele Raitano, professore di Politica economica all’Università La Sapienza di Roma, dai più considerato il fautore di questo nuovo intervento in materia pensionistica.

La nuova proposta in tema di pensioni

Grazie all’intervento di Raitano è possibile individuare i punti chiavi della nuova proposta che serve a “tutelare i lavoratori che hanno versato pochi contributi e che quindi sono destinati ad avere una pensione molto bassa, anche se sono stati molto a lungo nel mercato del lavoro”. Nello specifico la proposta mira a garantire un pavimento sotto cui non si può andare in base agli anni di attività lavorativa svolta, comprensivi dei periodi di cura, maternità, ricerca attiva di un lavoro ed età di uscita. 

Cosa cambia rispetto alla Legge Fornero?

L’obbiettivo di una nuova riforma in materia pensionistica è quello di aiutare i giovani, poiché rischiano di trovarsi con una pensione di 500€ al mese e l’intervento è stato sollecitato anche da Andrea Sirianni secondo cui nella fase di confronto tra sindacati e Governo si è raggiunto un accordo che ha dato risposte positive per tutti i lavori precoci, coloro che fanno lavori gravosi e che hanno avuto difficoltà che hanno reso complesso il proseguimento del lavoro. L’accordo tra le due parti avrebbe reso anche meno rigidi alcuni aspetti della legge Fornero. Un’ultima novità riguarda la pensione di garanzia per i giovani. Nannicini, ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ha dichiarato che “dobbiamo prenderci cura da subito del futuro previdenziale delle giovani generazioni attraverso una riforma del sistema contributivo con la previsione di forma di contribuzione figurativa per la fasi di ricerca attiva di un altro lavoro e di passaggio tra un’attività e l’altra”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.