Continua l’inchiesta di Filippo Roma sui finanziamenti della Presidenza del Consiglio destinati a una associazione di “promozione sociale” un po’ particolare.
I suoi circoli hanno saune, dark room e fanno massaggi con extra incluso e avevano anche come socio il direttore dell’Ufficio che decideva a chi dare i finanziamenti pubblici. Marco Canale viene intervistato e cerca di spiegare cosa accade realmente

Alcuni commenti in merito sulla pagina Facebook delle Iene

Leggo i commenti e vedo gente che parla di forni crematori, “gay che rubano i soldi alle persone normali” e “nemmeno gli animali fanno queste cose”. Prima di tutto questi soldi vengono rubati anche a qualsiasi gay che non metterebbe mai piede in questi circoli. Ma poi parlando di “pratiche animalesche”, tutte le prostitute che ci sono in strada campano grazie ai gay? Tutti i club di scambisti dove il marito si eccita a vedere la moglie copulare con sconosciuti? Evitiamo di generalizzare. Lo schifo purtroppo è ovunque, nel mondo etero tanto quanto nel mondo gay. Indigniamoci per lo spreco di soldi pubblici e non utilizziamo questo fatto per rendere ancora più lampante il vasto analfabetismo italiano.

Ma l amore omosessuale non era il piu puro? Sono anni che ci fracassano con la loro superiorità….invece sono più depravati degli etero!

Grazie alla iena per aver messo in evidenza la discriminazione verso noi donne, cui é vietato anche solo l’accesso. E meno male che sono e prendono fondi per le pari opportunità..

Il governo che finanzia la prostituzione, e qualcuno ha anche il coraggio di difendere questo circolo! Sono senza parole

Un servizio montato cavalcando l’onda fascista populista del momento peggio di Striscia e le minchiate di cui la gente si nutre da quella sacatola a corrente pensando sia la realtà. Avete creato disinformazione spacciata per giornalismo serio. I soldi dei contribuenti non finiscono direttamente nelle tasche di ogni circolo affiliato ad ANDDOS ma solo nei progetti sociali approvati, inoltre avete bloccato TUTTI i progetti di UNAR. Attualmente ci sono ad esempio rifugiati stranieri dei paesi in guerra o condannati a morte nei propri paesi che non possono essere collocati e rischiano di perdere la tutela dei propri diritti umani. Gli stessi diritti che leverei invece a voive gli idioti che vi guardano con convinzione solo per lamentarsi un altro po’ del Paese e scaricare le frustrazioni di una vita miserabile.

Con un po’ di senso critico e di logica si eviterebbe di mettere tutto nel calderone. Che esistano circoli dove si scopi è ben noto, e che nel “mondo gay” si scopi con molta più facilità pure. Tutti i maschi vogliono scopare sempre, la differenza è che il maschio etero senza corteggiamento, ristorante e intrigo mentale non ci riesce (almeno in genere), escludendo il caso di donne a pagamento. Essendo i gay 2 maschi c’è comunione di intenti: “voglio scopare. Anche io. Fatto”. Poi esiste l’amore, la coppia, il progetto, ma questo evidentemente è ALTRO, per entrambi gli oerientamenti: un maschio etero che va in discoteca non parla di famiglia e di futuro, parla di gnocca, di tette e di pompini. Fatta questa premessa che dovrebbe essere OVVIA, il nocciolo del servizio è: i soldi dallo Stato li prenda un’associazione che non mescoli business e attività sociale. E’ possibile fare grande attività sociale e gestire il business dei locali (arcigay gestisce decine di locali e fa importanti attività nelle scuole, contro il bullismo, assistenza psicologica ecc). Solo che non è opportuno (non lo è neanche per arcigay, e lo si dice da molto). I soldi dovrebbero andare ad associazioni che non fanno business di nessun tipo. Più in generale tutti sanno perfettamente che una miriade di locali pubblici si nascondono dietro “lassociazione culturale” per azzerare le tasse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.