Disperso da 9 giorni si salva grazie alle erbe

Sta bene l’uomo di 71 anni disperso per nove giorni a 2000 metri di altitudine sul gruppo dolomitico del Lagorai. Aldo Braido, originario di di Daiano (Trento), è riuscito a sopravvivere alimentandosi con erba di bosco e corteccia di abete.

Di lui non si erano avute più notizie dal 30 luglio: “Sono partito giovedì mattina alle 7 con la corriera da Capriana per dirigermi verso i laghi di Bombasel, zona che conosco come le mie tasche – ha raccontato Aldo alla stampa locale dal letto di ospedale in cui è ricoverato -. Mi sono spostato a est per raccogliere le gemme di pino mugo per fare lo sciroppo e ho perso il sentiero.”

Il 71enne è scivolato, ha sbattuto la testa e si è ferito le gambe: “Sono finito in un piccolo anfratto, dal quale non riuscivo a risalire. Si era anche messo a piovere e l’erba era bagnata. Ho passato la prima notte in quella buca in piedi con l’ombrello. Il giorno dopo non riuscivo a stare sulle gambe e dovevo muovermi a quattro zampe come fanno i bambini piccoli.”

L’acetosella e la corteccia di abete, che gli ha regolarizzato la glicemia, sono state la sua salvezza.

È stato ritrovato sabato mattina da Giulio Delladio, di Tesero (Trento).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.