Home Curiosità Milano: tombini arredati come case per i senzatetto

Milano: tombini arredati come case per i senzatetto

I tombini in disuso diventano case per i senzatetto: è il progetto "Borderlife" di Biancoshock.

6845
0

Tombini arredati a Milano

Non è sicuramente un modo per risolvere un problema serio che attanaglia tutte le città del mondo, piccole o grandi che siano, ma una provocazione per tenere alta l’attenzione su come molte persone siano costrette a vivere ogni giorno.

Borderlife”: è questo il nome del progetto ideato da Biancoshock, street artist milanese e uno dei fondatori della cosiddetta “arte effimera”. La sua arte dà origine a opere che occupano un posto limitato nello spazio ma illimitate nel tempo. Proprio come i tombini abbandonati.

Biancoshock ha trasformato i tombini della periferia di Milano in piccole case per i senzatetto: c’è un bagno con accappatoio e doccia, un salotto in cui rilassarsi e una cucina con l’occorrente per la preparazione di un pasto. Possono essere usati davvero, ma perlopiù si tratta di una provocazione, a metà tra l’ironico e l’evocativo. Il suo obiettivo è “partire dall’ironia per far riflettere sulle problematiche più urgenti.”

L’artista si è ispirato “alla condizione di centinaia di persone che a Bucarest vivono sottoterra, nelle fogne, senza che i loro concittadini più fortunati si rendano conto della loro esistenza al limite – spiega -. A Milano la situazione non è così estrema, ma anche qui abbiamo tante persone che vengono costantemente ignorate, nonostante abitino in superficie e le loro difficoltà siano sotto gli occhi di tutti, alla luce del sole.”

Gallery

tombini arredamento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.