Droghe: caratteristiche ed effetti

droghe

Sotto il nome di droga si raggruppano tante tipologie differenti di sostanze stupefacenti. In questa guida elencheremo le caratteristiche e gli effetti delle varie droghe, dividendole, per una maggiore chiarezza, in tre gruppi: sedative o antidepressive, eccitanti o stimolanti, allucinogene.

Droghe sedative e antidepressive

Al primo gruppo appartengono la morfina e l’eroina. Queste due sostanze hanno proprietà simili, anche per quanto riguarda la tolleranza, la dipendenza e la tossicità.

L’eroina

È la droga più mortale tra quelle “di strada”. Fu elaborata agli inizi del Novecento per curare le crisi d’astinenza dei morfinomani. La dipendenza sopraggiunge dopo poche settimane se la persona ne fa un uso costante, alcuni mesi se l’utilizzo è saltuario. La via di somministrazione preferita è quella endovenosa, ma l’eroina può anche essere fumata o inalata. Gli effetti immediati sono: “flash di piacere” (così lo descrive chi fa uso di eroina), accompagnato da vampate di calore, labbra secche, pesantezza delle articolazioni, nausea, vomito e forte prurito. Gli effetti nelle ore successive sono invece, sonnolenza, annebbiamento delle funzioni cerebrali, rallentamento notevole di quelle cardiache e respiratorie, che può portare anche alla morte. L’effetto principale e più pericoloso tra quelli a lungo termine è la dipendenza.

Droghe eccitanti o stimolanti

In questo gruppo troviamo le anfetamine, la cocaina e il crack.

Le anfetamine

Possono essere assunte per via endovenosa, orale, inalazione o fumo. Generano una sensazione di benessere iniziale, sostituito nelle ore successive da uno stato di agitazione che può portare a comportamenti violenti. Gli effetti a breve termine sono: incapacità di dormire e riduzione dell’appetito. Chi fa uso costante di anfetamine sono individuabili per la loro loquacità, cute sudata, tremore alle mani, restringimento delle pupille, ipermotilità. L’abuso a lungo termine origina: dipendenza, ansia, insonnia, confusione, paranoia, gravi danni al sistema nervoso centrale, allucinazioni auditive, disturbi della personalità, sensazioni non reali, condizioni che possono portare al suicidio o all’omicidio.

cocaina

La cocaina

È una droga eccitante come l’anfetamina e si ritiene che abbia poteri afrodisiaci. La persona che ne fa uso avverte sensazioni di forza e bellezza. I suoi effetti sono in realtà devastanti. Quelli a breve termine, che in genere si presentano quasi subito e possono durare da pochi minuti a qualche ora, portano il soggetto a sentirsi euforico, predisposto alla conversazione e con i sensi visivi, uditivi e tattili particolarmente attivi. Altri effetti a breve termine sono: dilatazione delle pupille, aumento della temperatura corporea, della pressione e del ritmo cardiaco, comportamenti strani e violenti, tremori, vertigini, paranoia, ansietà, agitazione. Gli effetti a lungo termine sono invece: dipendenza, perforazione del setto nasale, perdita del contatto con la realtà, agitazione, irritabilità.

Il Crack 

È un derivato sintetico della cocaina. Provoca forte dipendenza, distrugge in modo irreversibile il sistema nervoso centrale, con conseguenti gravissimi danni all’organismo.

Droghe allucinogene

Appartengono a questo gruppo sostanze stupefacenti come marijuana, LSD e ecstasy.

La marijuana

Viene assunta attraverso “gli spinelli” e il suo effetto dura qualche ora. Tachicardia, rallentamento delle normali funzioni intestinali, lesioni bronchiali e riduzione della fertilità: sono alcuni dei suoi effetti collaterali. Ai quali si aggiungono: depressione, paranoia, riduzione delle capacità cognitive e forme di apatia.

Lsd

Nonostante non sia ancora stato individuato con chiarezza il meccanismo di alterazione delle capacità percettive, gli effetti della LSD possono essere individuati in: schizofrenia, depressione, confusione, disturbi psichici più o meno prolungati, ansia, fatica, nausea, capogiri, perdita di appetito, conseguenze sui sensi.

Ecstasy

È una droga sintetica. I suoi effetti sono: allucinazioni, eccitazione, insufficienze renali, distruzione dei terminali nervosi, affaticamento cardiovascolare, aumento della temperatura corporea, insonnia, aggressività. Negli istanti successivi all’assunzione si verifica un senso di onnipotenza, sensazione che svanisce insieme all’effetto della droga e viene sostituita da depressione e ansia.

ecstasy

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.