Tra le conseguenze, spesso sottovalutate dei terremoti, c’è il rischio di contaminazione dell’acqua e in particolare il rischio di contaminazione batterica della rete idrica e rischio microbiologico per le derrate alimentari.

Alla luce degli ultimi avvenimenti sismici che hanno colpito il Centro Italia, alcuni biologi esperti in sicurezza alimentare sono intervenuti in merito a questo problema. Gli esperti Luciano Atzori e Sabina Rubini spiegano: “tra i vari aspetti legati a un evento sismico, da non trascurare c’è quello dell’approvvigionamento e della somministrazione alimentare: il rischio può facilmente trasformarsi in concreto pericolo igienico-sanitario”.

Forse non tutti sanno, infatti, che anche le case dichiarate agibili possono nascondere rischi difficilmente valutabili a priori, come micro lesioni delle tubature. In questo caso è possibile che si verifichi una possibili contaminazione microbiologica e persino chimica dell’acqua.

Gli esperti fanno in particolare riferimento alla potenziale contaminazione microbiologica della rete idrica (acqua potabile) da parte di materiale terroso, nel caso in cui le reti fognarie siano collassate sotto il peso delle macerie. Inoltre occorre considerare anche la possibilità di contaminazione delle falde acquifere superficiali.

Per questo anche semplici gesti come farsi una doccia o lavare il viso o le mani potrebbe, in caso di micro lesioni cutanee, come tagli o escoriazioni, essere potenzialmente pericolo. Gli esperti estendono la stessa pericolosità anche alle fontanelle presenti nei comuni colpiti dal terremoto. Queste sono comunque controllate per un periodo di tempo determinato a seconda del rischio sismico alle quali sono state sottoposte.

Oltre al rischio idrico non è da prendere sotto gamba anche il rischio microbiologico derivante dalla gestione d’emergenza dei pasti per gli sfollati. Gli esperti sottolineano che sarebbe da sfavorire la distribuzione di prodotti preconfezionati o trattati con conservanti che ne aumentino la stabilità o conservabilità. Per il consumo dei pasti è poi fondamentale in questi casi utilizzare posate monouso senza dover ricorrere all’uso dell’acqua.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.