Ha del surreale il racconto fatto alla polizia da Butungu, in manette per lo stupro di Rimini.

Il giovane ha parlato di quella terribile sera, raccontando di essersi addormentato su una panchina dopo aver bevuto un paio di drink e di essersi svegliato attorno alle 4 del mattino.

Butungu dice di non sapere nulla delle violenze

A nulla sono valsi i solleciti da parte del magistrato. Guerlin Butungu, arrestato per lo stupro di Rimini avvenuto la notte del 25 agosto, ha detto di non sapere nulla delle violenze e ha affermato che per lui sarebbe stato impossibile avere tre rapporti sessuali in un’ora.

Il giovane, in Italia da due anni e con permesso di soggiorno valido fino al 2018, ha raccontato di aver preso il pullman con i tre amici minorenni e di essere arrivato fino a Riccione.

Qui il gruppo avrebbe dormito per poi prendere il treno per Pesaro. Butungu ha dichiarato di aver pagato i biglietti per tutti. Sempre secondo le sue dichiarazioni, una volta raggiunta Pesaro, si sarebbero divisi per andare ognuno a casa propria.

Nel frattempo, però, i due fratelli marocchini e il ragazzo nigeriano coinvolti nella vicenda gli hanno rivolto le peggiori accuse.

Secondo i loro racconti, Guerlin avrebbe tirato un pungo al ragazzo polacco (il suo Paese d’origine ha chiesto l’estradizione degli arrestati), invitando i complici a bloccarlo mentre lui andava dalla ragazza.

Il maggiore dei fratelli marocchini ha inoltre detto che da Butungu hanno ricevuto vodka, birra e spinelli preparati da lui. “Eravamo fatti”: così ha dichiarato il giovane alla polizia.

Questa terribile vicenda, purtroppo, ha avuto diversi risvolti violenti sui social. L’ultimo ha visto coinvolto il sindaco di Pontivrea (entroterra savonese) Matteo Camiciottoli.

Il primo cittadino del paese ligure ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un post in cui suggeriva di dare gli arresti domiciliari a Butungu a casa di Laura Boldrini.

Immediata la condanna del Ministro dell’Interno Minniti, che ha chiesto al prefetto di Savona di vigilare sulla vicenda.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.