stupro

Una ragazza finlandese di vent’anni ha subito uno stupro da parte di un 22enne bengalese ora in carcere. La tragedia si è svolta in pieno centro a Roma, nella notte tra venerdì e sabato.

L’incubo poco lontano dalla stazione Termini

L’incubo per la giovane finlandese si è materializzato in pieno centro a Roma, poco lontano dalla stazione Termini. Poco dopo le quattro, le sue urla hanno fatto scattare l’allarme. Una coppia di anziani si è affacciata alla finestra gridando “Correte! C’è uno stupro” e ha chiamato il 113.

La ragazza è stata anche rapinata e colpita con una pietra da S.K., 22 anni, arrestato poco dopo. Il giovane è in Italia dal 2014 con un permesso umanitario. Recentemente ha lavorato come lavapiatti in un ristorante. 

La vittima della seconda aggressione in poche ore nella capitale è una ragazza alla pari finlandese, ospite da un anno circa in casa di una famiglia di Roma Nord. 

Lo stupro e la rapina, come già detto, sono avvenuti venerdì dopo una serata passata allo Yellow Bar di Via Palestro, uno dei principali ritrovi per studenti stranieri a Roma.

Secondo le ricostruzioni, vittima e stupratore avrebbero scambiato qualche parola all’interno del locale.

La giovane finlandese si sarebbe poi fidata di lui accettando un’offerta di passaggio con un’auto che il giovane bengalese in realtà non aveva.

Da lì all’epilogo tragico il passo è stato breve. La giovane si è trovata contro un muro minacciata di morte con un sampietrino. Le sue urla, inizialmente, hanno fatto intervenire qualcuno ma l’aggressore non ha desistito, colpendola al petto con la pietra.

Trascinata fino in via Castro Pretorio, la ragazza è stata poi violentata e nuovamente picchiata. Neanche la vicina caserma dell’esercito è servita da deterrente per il nefando crimine. Il violentatore, riconosciuto da foto segnaletiche, è scappato con 40 euro della vittima.

La giovane è stata trasportata all’Umberto I. Il referto è stato inequivocabile e la situazione ha colpito i medici per la sua brutalità.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.