CONDIVIDI

C’è chi grida allo scandalo e al caso giornalistico.

E’ successo infatti che Renzi ha permesso che si coprissero le statue presenti nei musei della Capitale per rispetto al presidente iraniano Hassan Rohani.

“Quella di coprire le statue dei Musei capitolini, in occasione della visita a Roma del presidente iraniano Hassan Rohani – ha detto il ministro per i beni culturali, Dario Franceschini è stata una “scelta incomprensibile

Vittorio Sgarbi sulle statue coperte

Anche Il critico d’arte Vittorio Sgarbi non ci sta dichiarando che coprire le Statue sia da Capre Ignoranti

I commenti sui social non sono stati da meno:

A Matteo Renzi e agli altri caproni va esplicitamente spiegato che scene di nudo o anche esplicitamente sessuali ricorrono nell’arte persiana del periodo safavide e Qajar (XVI-XIX secolo), al punto da contribuire a creare nella bigotta Europa vittoriana il mito dell’Oriente licenzioso. Figuraccia da capre.

-infatti la splendida cultura persiana e’ stata oscurata dallo zero assoluto iraniano…

– Bravo, infatti la scelta di coprire le statue è tutta italiana, il presidente iraniano non ha fatto nessuna richiesta in merito

-Quale sarebbe lo zero assoluto iraniano? Quello di aver fatto una Rivoluzione nel ’79 ed essersi conquistato, dopo anni di sacrifici e difficoltà, una sua sovranità nazionale? Alla faccia dello 0 assoluto.

– facci capire cosa intendi per Iraniano zero assoluto

La crescita esponenziale dell’Iran in termini economici ci permette, in un futuro immediato, di fare affari lucrosi. Meglio affari con Rouhani e l’Ayatollah Khamenei che i soldi li impiegano per mandare armi ad Assad e inviare Pasdáran contro lo Stato …Altro…

– La nudità non presentava l’erotismo, ma ben si altro. Come se queste persone non hanno mai visto un nudo nella loro vita. Il famoso David di Michelangelo, lo scultore Prassitele, Lisippo e anche copie romane. Poi la ripresa del neoclassicismo come Manet, Tiziano… Ma é assurdo! Poi la capra ignorante che mi toglie Taranto come sopraintendenza archeologica trasferendo a Lecce che sono quasi due culture ben diverse.;

statue coperte

-Il lucido commento di Vittorio Sgarbi era scontato, ma merita comunque. Chi pagherà per questa vergogna assoluta? Qualche funzionario/burocrate, ma ovviamente per finta. I politici invece niente, diranno che ne sapevano nulla, come quando sono andati in Arabia Saudita a stringere sorridenti le mani a quelli che poche settimane dopo avrebbero ordinato l’ondata di esecuzioni di cui sappiamo sempre troppo poco. Senza pari, poi, la notizia secondo la quale è stato spostato il palco perché troppo vicino ai testicoli del cavallo della statua equestre. Se non ci fosse da piangere sarebbe una gag che neppure Zalone avrebbe potuto inventare.

Caro Sgarbi, gli Iraniani sono l’unico popolo a cui dovremmo portare rispetto, visto che sono gli unici che stanno veramente combattendo l’isis e hanno investito miliardi sull’Italia.. Per quanto riguarda la copertura delle statue, bisognava spiegarlo per bene cosa rappresentavano e farci rispettare di più chiaramente senza doverle coprire in quel modo ridicolo, ma noi purtroppo qua non abbiamo politici di una portata tale da poterlo fare, abbiamo semplici burattini che si fanno comandare da chiunque e in sede Europea è più che dimostrato visto che votano per portare sulle nostre tavole l’olio tunisino al posto di quello Greco ed Italiano...

In occasione della visita di Rouhani il nostro premier ha “ben deciso” di calpestare la nostra storia, censurando tutte le statue in segno di “rispetto”….io quando andai in Turchia per visitare una delle tante bellissime moschee indossai lo chador ed era obbligatorio, o non sarei mai potuta entrare, nonostante lo reputi un indumento sessista che toglie di dignità la donna, lo indossai lo stesso con umiltà e rispetto perchè quando si visita una nazione ci si deve sempre adattare alle usanze di quel paese, ora io mi chiedo, la stessa tolleranza io non l’ho vista nei nostri riguardi, e stiamo parlando della nostra arte, è una vergogna….statue coperte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.