CONDIVIDI

Il meccanismo che regola i sogni

“Cos’hai mangiato a cena?”, “A cosa stavi pensando prima di addormentarti?”, “Sei molto stressato in questo periodo?”, sono alcune delle domande che ci sentiamo rivolgere quando raccontiamo di aver fatto sogni strani e particolarmente elaborati, quasi come dei film.

In realtà, tutti questi fattori non c’entrano niente: è questione di chimica. Uno studio condotto congiuntamente dai ricercatori del dipartimento di Psicologia dell’Università Sapienza di Roma, del dipartimento di Neurologia clinica e comportamentale dell’Irccs Santa Lucia di Roma e dell’Università dell’Aquila ha portato alla scoperta delle ragioni per cui gli uomini sognano in maniera differente.

C’è chi non ricorda affatto i sogni e chi, al contrario, rammenta tutti i dettagli. Un’ulteriore differenziazione è quella tra sogni particolarmente bizzarri ed elaborati, caratterizzati da una forte componente emotiva, e quelli invece piuttosto poveri di scene e pathos. Alla base vi è un meccanismo neurochimico che determina il ricordo.

Sogni: lo studio

Lo studio ha scelto come modello di riferimento la malattia di Parkinson che è caratterizzata da una carenza di dopamina. In questo modo è stato possibile evidenziare l’esistenza di una diretta implicazione del neurotrasmettitore dopamina nella vivezza dei sogni ricordati.

I risultati, pubblicati sulla rivista “Human Brain Mapping”, aprono prospettive innovative per l’approccio neuroscientifico allo studio del sogno.

“Potremmo dire – sottolinea Luigi De Gennaro – di avere inaugurato una nuova stagione dello studio della neurochimica del ricordo dei sogni.”

sogni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.