siria

Sale a 72 morti, 20 dei quali bambini, il bilancio degli attacchi con il gas nervino nella provincia di Idlib in Siria. Le immagini dell’attacco, che documentano in maniera agghiacciante gli effetti degli avvelenamenti, hanno sconvolto il mondo.

Assad nega ogni responsabilità

In queste ore la Siria, martoriata da sei anni di guerra civile, è chiaramente sotto la lente mediatica mondiale e sono in tanti a puntare il dito contro il regime di Assad che, dal canto suo, nega ogni responsabilità. Interessante è anche la versione del ministero della difesa russo, che afferma che le armi chimiche facevano parte di un arsenale dei ribelli colpito dall’aviazione di Damasco.

Il punto di vista della Casa Bianca è invece chiaro: dietro l’attacco con le armi chimiche della provincia di Idlib c’è la mano del regime di Bashar al Assad. Oggi, per fare chiarezza su questo tragico fatto che ha lasciato sgomento tutto il mondo, ci sarà un consiglio di sicurezza dell’Onu alle 16.00 ora italiana.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.