Sigfrido Ranucci è un noto giornalista, conduttore e autore televisivo.

Nato a Roma il 24 agosto del 1961, Ranucci è una delle presenze più importanti nel mondo della Rai. Il suo debutto avvenne durante la fine degli anni ’80 per il E’ tg di Rai 3, occupandosi di varie tematiche, in particolar modo sport, cronaca ed attualità.

Non molto dopo, collaborò per Anni azzurri (programma di Claudio Ferretti) ma anche per Tg3 Primo Piano, Rai International, Rai News e Rai nei Balcani. Con l’arrivo del nuovo millennio, Sigfrido Ranucci divenne inviato per gli attentati terroristici di New York (nel 2001) ma anche per una serie di inchieste, riguardanti l’utilizzo illecito di armi, mafia e tanto altro ancora.

Successivamente, fu scelto per documentare le vicende legate allo tsunami e maremoto che colpì l’Oceano Indiano nel 2004. Il suo talento da giornalista non passò di certo inosservato: proprio per tale motivo, divenne conduttore del programma Report, insieme a Milena Gabanelli.

Ma non è tutto. Con la giornalista televisiva, Ranucci si è occupato anche della stesura di un libro legato alla storia del mancato smaltimento dei rifiuti pericolosi: “Ecofollie”.  Molto presto, divenne autore di un altro libro, chiamato “Il patto. Da Ciancimino a Dell’Utri”, riguardante la trattativa tra Stato e mafia.

Nel 2011 il noto giornalista romano intraprese una collaborazione con Il Corriere della Sera. L’anno seguente invece, ideò il programma Off the Report e nel 2017 tornò alla conduzione di Report, senza la Gabanelli.

Sigfrido Ranucci e Vincenzo De Luca

Nel corso delle ultime ore, Report (il programma di Sigfrido Ranucci) è stato protagonista di numerose critiche.

Esse arrivano da parte di Vincenzo De Luca. Nello specifico, si tratterebbero di frecciatine nei confronti dell’inviato FedericoRuffo. Secondo il governatore della regione Campania:

“Noi siamo stati destinatari di una elegante campagna di aggressione mediatica che dura da un mese. Avremmo dovuto perdere tempo a fare una decina di querele per diffamazione, ma non avevamo tempo da perdere. Ho visto che è venuto da lei un suo collega dal nome nibelungico, diciamo.

Uno dei suoi collaboratori ha detto qualche mese fa che l’ASL Napoli 1 era stata commissariata per infiltrazione camorristica: era un falso clamoroso! Volevo domandare a quel signore se quel giornalista sia stato licenziato o meno”. (Fonte Il Giornale).

Queste parole, pronunciate alla trasmissione di Fabio Fazio “Che tempo che fa”, hanno lasciato il conduttore un po’ spiazzato. Di conseguenza, non c’è stata una reazione particolare da parte sua. Allo stesso tempo però, c’è chi ha voluto rispondere immediatamente alle pesanti accuse di De Luca: ad esempio, il membro del Consiglio di amministrazione della Rai, RiccardoLaganà.

Egli non ha accettato le insinuazioni del governatore campano, replicando che non può di certo permettersi di criticare Report e il lavoro svolto dagli inviati. Ecco alcune sue parole in merito:

“Nella sua teatralità sembra essere entrato sempre più nel personaggio dello ‘sceriffo’. Ma si rassegni: la stampa, i giornalisti, continueranno a fare il proprio mestiere liberamente, senza farsi intimidire da nessuno”. (Fonte: Il Giornale).

Insomma, un vero e proprio colpo basso per la trasmissione di Sigfrido Ranucci.

Sigfrido Ranucci vita privata

Cosa si sa della vita privata di Sigfrido Ranucci?

In realtà non molto, poiché risulta essere una persona abbastanza riservata: pertanto, preferisce tenere lontana dai gossip la sua quotidianità. Anche dal punto di vista sentimentale, non sappiamo se sia sposato o abbia figli, non ci sono informazioni in merito.

Sigfrido Ranucci instagram

Anche per quanto riguarda il mondo dei social network, Sigfrido Ranucci non possiede profili ufficiali.

Su Instagram ad esempio, troverete soltanto degli hashtag che fanno riferimento al suo nome ma nessun account personale. Allo stesso tempo però, è possibile vedere diversi scatti che lo vedono protagonista in alcune pagine Rai ed in particolar modo il Tg3.

Sigfrido Ranucci inchieste

A seguire potete trovare l’elenco contenente gran parte delle inchieste di Sigfrido Ranucci a partire dagli anni ’90 ad oggi.

  • Il valzer dei veleni (nel 1999)
  • Uranio impoverito (dal 2001 al 2003)
  • Crimini e misfatti (nel 2002)
  • L’ultimo volo del ghibli (nel 2002)
  • Polveri maledette (nel 2002)
  • Metallo del disonore (nel 2003)
  • Testimoni a perdere (nel 2003)
  • Veleni di Stato (nel 2004)
  • Fallujah. La strage nascosta (nel 2004)
  • Servitù militari (nel 2005)
  • Guerre e bugie (nel 2006)
  • In nome del petrolio (dal 2005 al 2006)
  • Cronaca di una giornata di guerra (dal 2005 al 2006)
  • Eroi senza medaglia (dal 2005 al 2006)
  • Guerre stellari in Iraq (nel 2006)
  • Il fantasma di Abu Ghraib (nel 2006)
  • La guerra privata dei contractor (nel 2007)
  • Telecom debiti e spie (nel 2007)
  • A fondo perduto (nel 2008)
  • L’eredità (nel 2008)
  • I viceré (nel 2009)
  • Il cavaliere del lavoro (nel 2009)

Sigfrido Ranucci inchieste dal 2010 ad oggi

  • Il progetto (nel 2010)
  • Il mare nero (nel 2010)
  • I biscazzieri (nel 2011)
  • Il gioco delle parti (nel 2012)
  • La banca degli amici (nel 2012)
  • I misteri del cognato di Tremonti (nel 2012)
  • Abu Omar: si tratta di dare a Washington un segnale (nel 2013)
  • Le mani del PDL sul Monte dei Paschi? (nel 2013)
  • Effetti Collaterali (nel 2013)
  • Ho visto Messina Denaro. Hanno bloccato le mie indagini (nel 2013)

Sigfrido Ranucci premi

Nel corso della sua carriera da giornalista, autore televisivo ed inviato, Sigfrido Ranucci ha ricevuto numerosi riconoscimenti. Eccone alcuni:

  • Silver Satellite – Gran Prix – Television World, per la sua inchiesta Il valzer dei veleni (nel 2000)
  • Silver Satellite Bulgaria, per Polveri maledette (nel 2002)
  • Premio giornalistico europeo Penne Pulite (nel 2003)
  • Il premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi per Veleni di Stato (nel 2004)
  • Premio Ilaria Alpi, per la sezione Servizi giornalistici ed inchieste in onda su trasmissioni diverse da TG, (nel 2005)

Ma anche:

  • Premio Cronista – Piero Passetti (nel 2005)
  • Premio internazionale di giornalismo «Maria Grazia Cutuli» (nel 2006)
  • Colombe d’oro per la pace (nel 2006)
  • Premio Mario Francese per l’impegno contro la mafia (nel 2007)
  • Premio Giuseppe Fava (nel 2010)
  • Il Premiolino (nel 2010)
  • Il Premio Tonino Carino (nel 2017)
  • Etica Professionale del M.A.F. – Montefiascone Art Festival (nel 2017)
  • Premio Inchiesta – Osimo (AN), nel 2017

E secondo quanto riportato sul web, Sigfrido Ranucci avrebbe ricevuto il premio “Etica Professionale del M.A.F.” con una motivazione ben precisa, ossia:

Premio per la coerenza giornalistica e professionale dimostrata nel corso di questi vent’anni, dagli autori e dall’intera struttura organizzativa, il format REPORT rimane uno dei pochi esempi di informazione e formazione culturale promossa dalla rete pubblica, garantendo un livello giornalistico d’inchiesta di altissimo spessore”. (Fonte: Wikipedia)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.