Vittorio Sgarbi e Barbara D’urso danno il meglio di loro in diretta tv. Sgarabi aggredisce verbalmente la D’urso proprio durante la diretta di ieri sera a Live non è la D’urso.

 Ma andiamo per ordine.

A Live non è La D’urso Sìsi parla del programma “La pupa ed il secchione” ed come ospite in studio c’è Vittorio Sgarbi. Il famoso critico d’arte , rivolgendosi alla concorrente Stella Manente l’ha definita “una raccomandata di Berlusconi“.

Di per se la frase non avrebbe suscitato scalpore se la D’urso non avesse iniziato una polemica accesa e pressante tanto che la stessa conduttrice ha iniziato ad inveire contro Sgarbi arrivando, addirittura, agli insulti e all’invito minaccioso di lasciare lo studio.

Prima che accadesse questo, però, la padrona di casa lo ha inizialmente invitato a rettificare: “Ma tu ti rendi conto di quello che stai dicendo? Non è vero, perché lo devi dire qua stasera in diretta? Perché devi inventare queste cose? Mi dissocio“.

Sgarbi , incurante, rincara la dose sostenendo che la raccomandazione gli fosse arrivata anche per la conduttrice: “Berlusconi mi ha telefonato e mi ha parlato di ‘quella ragazza bionda’. Me l’ha raccomandata perché è una bella ragazza. Me l’ha raccomandata per nulla, perché io non avevo nessun potere. Mi ha detto pure di te: ‘Barbara D’Urso è una bella ragazza‘.”

Sgarbi querela Barbara D’urso

“Se non sai condurre e non capisci come va il mondo, io ti denuncio. Un ospite non si caccia mai e lo imparerai in tribunale”

Sgarbi minaccia dunque la signora del trash della televisione italiana annunciandolo con un video sulla sua pagina Facebook ufficiale.

“Impara a fare la conduttrice pèrchè cafone non lo dici ad un ospite e un ospite non lo cacci”.

Questa volta Il critico d’arte non ci sta e dichiara guerra a Barbara D’urso per averlo insultato ed essere stata maleducata con lui durante la diretta dove milioni di Italiani erano incollati al televisore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.