Cibo e sesso: alimenti consigliati e quelli da evitare

Alcuni cibi sono fedeli alleati del sesso: ora ci sono le prove scientifiche. Abbiamo sentito spesso parlare della capacità del peperoncino e delle ostriche di aumentare il desiderio, ma non tutti ci hanno mai veramente creduto, rilegandolo a una sorta di leggenda metropolitana.

Ma le conferme arrivano direttamente dalla scienza, e sono state esposte durante l’87esimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Urologia (Siu), che si tiene a Firenze fino al 30 settembre, in particolare nel corso della sessione “Genetica e Metabolismo: maschi e femmine, l’alimentazione per lui e per lei”. Gli esperti hanno presentato per la prima volta “il menù del sesso”, utile non solo a migliorare l’attività sessuale, ma anche ad aumentare la fertilità.

Secondo gli urologi una dieta sana ed equilibrata, come quella mediterranea, può essere un buon punto di partenza per l’intesa sessuale “Esistono però cibi che, più di altri, possono dare una marcia in più sotto alle lenzuola grazie ai nutrienti che contengono in abbondanza – spiega Vincenzo Mirone, segretario generale della Siu – alcuni sono ormai conosciuti come il peperoncino, utile per potenziare il desiderio sessuale di lui perché migliora la circolazione sanguigna nei genitali maschili e stimola la prostata e l’eiaculazione grazie alla capsacina; altri sono meno noti e talvolta insospettabili come l’avena o il miele, che riattivano la produzione di testosterone aumentando la libido grazie a nutrienti come il boro, un minerale misconosciuto.”

Nel “menù del sesso” troviamo anche le uova, che aumentano il desiderio di lui; le ostriche e i frutti di mare, importanti, grazie allo zinco, per il liquido spermatico e una buona eiaculazione; il cioccolato, utile perché riduce lo stress e favorisce il rilascio di serotonina, il neuromodulatore della felicità.

Ci sono poi alimenti in grado di aumentare la fertilità dell’uomo migliorando la qualità del seme. I cibi consigliati sono: spremuta di arancia o pompelmo, che migliorano la qualità dello sperma grazie al pieno di vitamina C; pomodori, ricchi di licopene, utile per prevenire alterazioni nella forma degli spermatozoi: verdura a foglia verde, ricca di vitamina C; cavoli, broccoli, spinaci e i legumi, per il loro contenuto di acido folico, importante perché favorisce la produzione di spermatozoi; lo zafferano, ricco di antiossidanti e previene i difetti degli spermatozoi; noci, che rendono gli spermatozoi più mobili e attivi; fegato, pollo, pesce, che contengono zinco, essenziale per un buon liquido seminale. Il pesce, essendo ricco di omega-3, ha funzione antinfiammatoria e di protezione del microcircolo nell’area genitale.

Esistono poi degli alimenti che sarebbe meglio evitare. In primis le bevande zuccherate, in quanto apportano un carico di zuccheri troppo elevato che rende più difficile l’erezione e contribuisce ad alterazioni degli spermatozoi, condizione che potrebbe compromettere la possibilità di avere figli; consumo eccessivo di carne rossa, che a causa dell’elevato apporto di acidi grassi saturi riduce il numero e la qualità degli spermatozoi; fritti, merendine e tutti gli alimenti ricchi di grassi saturi.

“Moderazione con l’alcol – spiega Annalisa Olivotti, biologa nutrizionista, esperta in nutri genetica – non aiuta il desiderio perché interferisce con il funzionamento delle ghiandole che regolano la produzione degli ormoni sessuali, e può compromettere la fertilità, perché danneggia cellule dell’apparato genitale importanti per la produzione e la maturazione degli spermatozoi.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.