Sensi di colpa: da cosa derivano e come gestirli

Il senso di colpa è una sensazione di disagio che funziona come una sorta di allarme: ci segnala che abbiamo fatto qualcosa contro il nostro codice morale e ci perseguita fino a quando non troviamo il modo di rimediare all’errore. È un sentimento che permette di rendersi conto di stare oltrepassando i limiti, costringe a mettersi in discussione e a prendere coscienza delle proprie responsabilità.

Visto in questo modo può avere una sfumatura positiva, ma il senso di colpa non è sempre legato a un comportamento effettivamente sbagliato, spesso è frutto di una situazione di malessere di cui non si riesce a individuare la causa, da un senso di incapacità, inadeguatezza, inferiorità, scaturisce cioè da scenari più profondi della nostra interiorità.

Continua tensione e rabbia contro se stessi sono tra gli effetti più immediati, tale stato d’animo porta a una non accettazione di sé e al rafforzamento di una bassa autostima. Tutto ciò può condurre a comportamenti spesso inappropriati, fino all’autolesionismo.

Le origini del sentimento di colpevolezza risalgono alla nostra infanzia, a quando è nato il nostro “giudice interiore”, frutto degli insegnamenti ricevuti dai nostri genitori, dalla religione e dalle regole sociali.

Il bambino impara in fretta a sentirsi in colpa, e spesso sono proprio i genitori a fare leva su questo sentimento con frasi taglienti e con un atteggiamento ricattatorio, volti a ottenere dal figlio una risposta aderente alle proprie aspettative. È così che nel bambini nascono grandissimi sensi di colpa e la convinzione di essere “un figlio cattivo”.

Tale insicurezza si ripercuote poi nella vita adulta e il soggetto può arrivare ad addossarsi colpe che non ha. È quindi importante contestualizzare la situazione, interrompere il dialogo tra il senso di colpa del presente e le esperienze del passato, capire se sono stati davvero messi in atto comportamenti sbagliati.

È importante acquisire fiducia in se stessi, prima ancora che negli altri, abbandonare pian piano quell’insicurezza e senso di inadeguatezza che ci portano a pensare che sia sempre colpa nostra.

Varie ricerche hanno dimostrato che sono le donne ad essere maggiormente inclini al senso di colpa, sopratutto nell’ambito delle relazioni interpersonali, ma tende a essere meno presente in quelle più giovani, conseguenza del contesto diverso rispetto alle generazioni passate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.