CONDIVIDI

Com’è il seno rifatto al tatto?

La mastoplastica additiva, comunemente nota come “aumento del seno”, è l’intervento estetico più diffuso. Sono sopratutto le donne dello spettacolo, attrici e soubrette, a ricorrere a questo tipo di ritocco, ma sono tante anche le donne comuni che decidono di rifarsi il décolleté.

Tra le varie domande che si sentono sulla mastoplastica additiva, una delle più gettonate è: un seno rifatto si riconosce al tatto? Il timore è che questo intervento possa creare situazioni di imbarazzo nell’intimità. È infatti diffusa la convinzione che un seno rifatto sia più freddo di uno naturale, ma è davvero così?

Seno rifatto freddo al tatto: verità o mito?

Le cose non stanno esattamente così. L’impianto mammario e la tecnica di posizionamento delle protesi giocano un ruolo di primo piano nel donare al seno un effetto finale naturale. Le protesi, in particolare, adattandosi al corpo, ne assumono la stessa temperatura. Ma dal momento che la stessa quantità di sangue in circolo deve riscaldare un volume maggiore, potrebbe verificarsi una diminuzione di un grado o due rispetto a prima, differenza di temperatura che comunque è troppo irrisoria per parlare di “seno freddo”.

Detto questo, è importante sottolineare che per ottenere un effetto soddisfacente è assolutamente necessario rivolgersi a mani esperte, e non al primo chirurgo estetico che trovate sull’elenco telefonico. Se possibile, informatevi preventivamente sui suoi precedenti interventi e sulla loro riuscita.

seno rifatto tatto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.