Con l’espressione scintigrafia si fa riferimento ad un controllo che mira al corretto funzionamento degli organi.

Anche nel caso della scintigrafia tiroidea o PET, si effettua una tecnica indolore. Essa si basa sulla somministrazione di un radiofarmaco per via endovenosa.

Ovviamente, si parla di piccole dosi. Ciò significa che non è affatto una procedura invasiva, anche se si sconsiglia vivamente su chi è incinta. Tanto che per le donne (di età fertile) si fa solitamente entro i dieci giorni successivi al ciclo. Così facendo, si riducono i rischi di agire su casi di gravidanza.

Il motivo di tale precauzione risiede nel fatto che le sostanze radioattive potrebbero interferire a lungo andare con l’allattamento. Se ciò dovesse accadere, è bene sospenderlo.

Inoltre, così come sarebbe da evitare in stato di gravidanza, non si dovrebbe praticare sui bambini. Tuttavia, in rari casi potrebbe essere indispensabile.

In linea generale, non bisogna preoccuparsi. Questo perché si esegue con una piccola quantità di farmaco. Esso sarà direttamente proporzionale al peso dell’individuo.

Scintigrafia tiroidea come funziona

A questo punto ci si chiede: come funziona la scintigrafia tiroidea (o PET)?

Date le premesse iniziali, potete ben capire che non si tratta di un esame adatto a tutti.

Proprio per tale motivo, si consiglia di effettuare altri esami clinici, che attesteranno la vostra idoneità.

Di solito, la scintigrafia non necessita di particolari indicazioni. Allo stesso tempo però, in alcuni casi il medico potrebbe richiedere la sospensione di determinati farmaci, ma anche:

  • Tinture per capelli
  • Disinfettanti
  • Prodotti contenenti iodio

In quest’ultima categoria, rientrano il sale iodato, gli integratori, alcuni dentifrici e tanto altro ancora. Allo stesso tempo però, la scintigrafia tiroidea può essere praticata sugli allergici allo iodio. Questo perché i traccianti impiegati, non dovrebbero interferire in alcun modo.

Tuttavia, il fatto di evitare i prodotti contenenti iodio si consiglia per le due settimane precedenti all’esame. Poi, come vi abbiamo già detto in precedenza, è preferibile sottoporsi a tale procedura nei primi giorni del ciclo mestruale. In questo modo, si riduce la possibilità che venga praticata su donne in stato di gravidanza.

Una volta messi in pratica i vari accorgimenti, si potrà procedere con la scintigrafia tiroidea.

Scintigrafia tiroidea come si esegue

Per prima cosa, si somministra il radiofarmaco per via endovenosa.

Dopodiché, il paziente dovrà stendersi su un lettino con il collo in iperestensione e privo di oggetti metallici (ad esempio gioielli). Esso sarà all’interno di una gamma-camera, dove si avrà l’opportunità di constatare il segnale radioattivo emesso.

Successivamente, bisognerà attendere un altro po’ (per far sì che le informazioni siano elaborate al meglio). Una volta trascorso il tempo necessario, si produce un’immagine che mostra alcuni risultati.

A livello di durata, quest’ultimo step è di 20 minuti circa. Complessivamente invece, la scintigrafia tiroidea richiede più o meno 45 minuti.

Tra l’altro, le variazioni di tempo si basano anche sull’esame specifico. Infatti, c’è chi non decide di esaminare soltanto la tiroide ma altri organi del corpo.

Tutto sommato, si tratta di una procedura abbastanza tranquilla. Il paziente non dovrà fare altro che restare immobile e non c’è alcun bisogno di preoccuparsi. Inoltre, è una strumentazione aperta: ciò significa che non crea disagi a chi soffre di claustrofobia.

Ulteriori informazioni

Una vola terminato l’esame di scintigrafia, il soggetto potrà tornare alla propria routine.

Infatti, non sono richieste particolari precauzioni. Allo stesso tempo però, il medico potrebbe richiedergli di bere molti più liquidi, così da poter eliminare il radiofarmaco.

Tuttavia, è bene specificare che qui le radiazioni assorbite non sono dannose. Ma a scopo precauzionale, è bene eliminare quelle superflue. Si consiglia inoltre di evitare stretti contatti con donne in stato di gravidanza o bambini.

Tutte le altre informazioni sulla scintigrafia tiroidea o PET saranno fornite dal medico o dal personale sanitario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.