CONDIVIDI

Matteo Salvini indagato

Il ministro degli interni Matteo Salvini è indagato dalla procura di Palermo per sequestro di persona aggravato, per quanto riguarda il caso della nave Diciotti. 

A comunicare a Salvini l’avvio della procedura, è stato un ufficiale del reparto operativo dei carabinieri di Palermo; che ha consegnato al ministro una busta con dentro una lettera del procuratore Lo Voi. 

La notifica è arrivata anche a tutti gli altri soggetti ritenuti persone offese del presupposto reato. 

Salvini apre in diretta Facebook la lettera del tribunale di Palermo

Intorno alle diciotto di ieri sera, è proprio Salvini a far trapelare la notizia tramite una diretta Facebook. Il ministro così tramite il social legge a tutti gli italiani che lo seguono l’atto appena recapitatogli. 

Salvini non parla con mezzi termini, e dopo un attacco ai quei giudici che si dicono di sinistra; dichiara di essere molto sereno. La cosa che più indigna il vice premier è che come afferma lui stesso organi dello stato “non eletti”, vanno ad indagare un altro organo dello stato stavolta però “eletto dal popolo”.

Salvini continua poi con il suo sfogo via social e chiama i suoi elettori “complici” delle sue azioni. Afferma inoltre di non essere né preoccupato né tantomeno terrorizzato; ed aggiunge anche di non aver tempo da sprecare con gli avvocati. 

Nomina poi anche i suoi soliti rivali come Roberto Saviano, Gad Lerner, Matteo Renzi, Fiorella Mannoia, che dice si sfregheranno le mani. Ci tiene inoltre a precisare più di una volta che lui, secondo i giudici, ha sequestrato per più giorni persone che sono già scappate senza farsi identificare. 

Ecco le sue parole a riguardo: “”Io avrei sequestrato 100 persone scappate dalla guerra, e 75 di questi a cui è stato offerto vitto e alloggio sono spariti…li metti in albergo e scappano”. 

Poi conclude dicendo: “”Mi dicono che rischio fino a 15 anni. Pazienza, mi verrete a trovare a San Vittore. Io non mollo di un millimetro”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.