CONDIVIDI
la copia del quadro delll' incendio

 Roma anime del Purgatorio teca

Se per i più scettici l’idea che esista l’inferno è davvero impensabile, lo è ancora di più quella che esista il Purgatorio. Eppure a Roma , recentemente, è stata fatta un’incredibile scoperta che riguarda per l’appunto le anime del Purgatorio. 

Sulla parete di una sagrestia è stata trovata appesa una teca contenente le pagine di vecchi libri di preghiere o parti di indumenti su cui spiccano i segni a fuoco di mani o tracce attribuite ad anime che chiedono preghiere.

Questi piccola raccolta di manufatti, attira l’attenzione di italiani e stranieri, che si recano presso la chiesa del Sacro Cuore del Suffragio, per ammirare di persona per ammirare questo “piccolo Museo delle anime del Purgatorio”. 

Come nacque la chiesa del Sacro Cuore

Questa chiesa fu costruita alla fine del 1800 per volere di padre Victor Jouet, un missionario francese del Sacro Cuore, che giunto a Roma decise di comprare il terreno per costruire il luogo sacro.

Poco distante dalla chiesa si riuniva la confraternita delle anime del purgatorio; e grazie alla costruzione di questo edificio, trovò un luogo in cui pregare davanti al quadro della Madonna del Rosario, con le anime in attesa di purificazione.

I cimeli delle anime del Purgatorio

Il numero del cimeli delle anime del Purgatorio, col tempo si è ridotto, perché sono rimasti soltanto quelli considerati davvero autentici. 

Tra questi troviamo l’impronta di una mano lasciata da una donna morta 27 anni prima sulla camicia del figlio. 

Vi è anche l‘impronta di fuoco della mano di una suora. Questa fu lasciata nel 1894 sul cuscino di una consorella alla quale apparve la notte successiva alla sua morte dicendole che si trovava in purgatorio.

Tra i cimeli presenti nella teca,, troviamo anche la fotocopia di una banconota da 10 lire. L’originale è conservata nel monastero di San Leonardo a Montefalco, in Umbria. Nel 1918 la superiora sentì suonare il campanello e una voce dirle “lascio questa elemosina”.

Questo fatto si ripeté per ben 28 volte. E dopo un anno questa voce disse alla superiora di essere un sacerdote morto da oltre 40 anni, e finito in Purgatorio per aver dilapidato beni ecclesiastici.

La chiesa, però è anche il luogo preferito degli appassionati di misteri ed esoterismo. Il prete della chiesa racconta, infatti che molti la notte di Halloween provano ad entrare dentro l’edificio. 

La chiesa, inoltre è addirittura inserita in un tour della Roma mostruosa e paranormale. Afferma sempre il parroco. 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.