CONDIVIDI

Attivo il cinema al Policlinico Gemelli

Il Policlinico Gemelli di Roma è stato il primo ospedale italiano ad accogliere la cinematerapia. All’ottavo piano della struttura sanitaria è stata allestita una sala con maxi schermo e poltrone, in cui poter sistemare anche i pazienti allettati.

Tutto ha avuto inizio il 13 aprile, quando l’ospedale ha aperto le sue porte al progetto MediCinema, arrivato da Londra con l’obiettivo di regalare ai pazienti qualche ora di spensieratezza, lontano dalla corsie e dalle quattro mura delle stanze, permettendo loro di respirare un po’ di normalità.

“In due anni abbiamo realizzato qualcosa che in Italia non era mai esistito e che poteva sembrare un progetto impossibile”, ha dichiarato Fulvia Salvi, presidente di MediCinema Italia Onlus. La sala può ospitare fino a 130 persone, tra cui pazienti, medici, volontari e malati non autosufficienti. Si tratta della “prima sala cinematografica integrata in una struttura ospedaliera italiana ed è la prima di queste dimensioni realizzata in Europa”, ha spiegato Salvi.

È costata 500 mila euro ed è stata realizzata grazie al supporto di Walt Disney e Rai, a cui va il ringraziamento di Enrico Zampedri, direttore generale della Fondazione del Policlinico:

“Senza la Walt Disney non sarebbe stato possibile fare tutto questo – sottolinea Zampedri – ma sono state molto importanti anche le altre realtà coinvolte nel progetto, a partire dalla Rai. Grazie a un gioco di squadra perfetto e un impegno fortissimo siamo riusciti in pochi mesi a costruire questa sala ed è motivo di grande soddisfazione.”

L’obiettivo del progetto è quello di ridurre lo stress dei ricoverati. Un modo per alleviare le preoccupazioni dei pazienti che devono affrontare un intervento chirurgico o sottoporsi a un esame fastidioso, ma anche alle donne che sono alle prese con gravidanze difficili.

Giovedì scorso è stato proiettato il film della Disney “Il libro della giungla”: per un piccolo paziente si è trattato del primo film visto al cinema. “È stato un momento bellissimo, di forti emozioni”, ha concluso Zampedri.

cinema_gemelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.