Rodolfo Valentino tra successo e sregolatezza

In questo periodo se ne sta parlando parecchio in relazione alla fiction in onda su canale 5 con protagonista Gabriel Garko. Ma chi è Rodolfo Valentino? Vediamo di saperne di più.

Biografia

Rodolfo Alfonso Raffaello Pierre Filibert Guglielmi di Valentina D’Antonguella (quest’ultima parte del cognome volle aggiungerla suo padre perché convinto di avere origini nobiliari), in arte Rodolfo Valentino, nacque a Castellaneta il 6 maggio 1895, da padre italiano, Giovanni Guglielmi di Valentina D’Antonguella, veterinario ed ex capitano di cavalleria, e da madre francese, Marie Gabrielle Bardin, dama di compagnia della marchesa del posto. Secondo di quattro fratelli, si trasferì con la famiglia prima a Taranto e poi, dopo la morte del padre, a Perugia. A Castellaneta frequentò la scuola elementare, per poi proseguire gli studi a Taranto e in seguito a Perugia, dove restò per tre anni in un collegio, l’ONAOSI (Opera Nazionale Assistenza Orfani Sanitari Italiani). Fu espulso dal collegio per il suo carattere indisciplinato. Successivamente cercò di entrare nel Collegio Navale Morosini della Marina a Venezia, ma fu scartato per problemi fisici. Conseguì il diploma a Genova in agraria e poi ritornò a Taranto.

Da sempre attratto dalla danza, approfittò di una vacanza a Parigi per affinare le sue doti di ballerino e per immergersi nella bella vita: rimase ben presto senza soldi e dovette chiederli alla famiglia per poter far ritorno a casa.

Valentino e il sogno americano

Nel 1913 decise di partire per l’America per inseguire il suo sogno, ma il suo temperamento lo portò anche lì a svuotare presto il portafogli. Si dedicò così a piccoli lavori come cameriere e giardiniere, per poi essere assunto come taxi dancer. Nel frattempo iniziarono le sue tormentate storie d’amore con svariate ballerine, come Bonnie Glass e Joan Sawyer, dalle quali ebbe anche tornaconti economici perché fu ingaggiato da loro. Dopo queste esperienze si trasferì a San Francisco e riuscì a entrare in una compagnia teatrale. Su consiglio di un amico decise di spostarsi ad Hollywood.

valentino

Valentino a Hollywood

Dopo alcuni film in cui fu solo una comparsa, ottenne il successo con I quattro cavalieri dell’Apocalisse, pellicola in cui vestiva i panni di Julio Desnoyers. Fu protagonista, tra gli altri, di Lo Sceicco, L’età di amare, L’aquila, Cobra, Notte nuziale, Sangue e arena, Il figlio dello sceicco. Amava godersi la vita e divenne ben presto uno dei primi sex symbol lanciati dal cinema. Valentino dettava la moda: tutti imitavano il suo stile, dai capelli al suo modo di vestire; persino quel suo sguardo magnetico che fece perdere la testa a tantissime donne, tra cui Jean Acker (sua prima moglie), Natacha Rambova (seconda moglie), l’attrice Pola Negri e la sceneggiatrice June Mathis.

Valentino e l’omosessualità

Le notizie sulle sue vicende amorose sono piuttosto confuse, c’è chi parla di bisessualità e chi di omosessualità, tesi che porterebbe a vedere i suoi matrimoni come semplici coperture. Ipotesi rafforzata dal fatto che le sue due mogli erano entrambe legate al gruppo di donne lesbiche raccolto intorno all’attrice Alla Nazimova. Probabilmente ebbe relazioni con uomini che contribuirono al suo successo, come Rex Ingram (regista de I quattro cavalieri dell’Apocalisse) e con i colleghi Paul Ivano e André Daven.

La morte

Morì nel 1926 a causa di una peritonite. Il suo ultimo film, Il figlio dello sceicco, è uscito postumo, consacrandolo vero e proprio mito. Nel giorno della sua morte si registrarono circa una trentina di suicidi (non si sa con certezza quanti imputabili al suo decesso) e scene di isteria da parte delle fan caratterizzarono i suoi funerali. Furono organizzati due cortei funebri, uno a New York e un altro a Hollywood. È sepolto nel Mausoleo della Cattedrale dell’Hollywood Forever Cemetery di Los Angeles.

rodolfo valentino

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.