CONDIVIDI

Due tristi situazioni familiari, molto simili tra loro e continui litigi, più frequenti con la madre, hanno portato due amiche di Ragusa a decidere di non fare più rientro a casa ma di scappare.
E cosi una sera le due adolescenti, stufe dei continui conflitti tra le mura domestiche, hanno chiesto un passaggio in auto ad amici più grandi e si sono fatte accompagnare a casa di un’altra amica, ad alcuni chilometri di distanza.

Ed è proprio li che i poliziotti della Squadra mobile di Ragusa le hanno trovate, a Chiaramonte Gulfi.
Tutto è accaduto qualche giorno fa. I genitori avevano denunciato la scomparsa credendo che fosse una bravata, ma invece la cosa stava diventando seria perché i giorni passavano e delle due ragazzine non si aveva alcuna notizia.

L’ansia e la preoccupazione dei genitori cresceva.
I poliziotti hanno setacciato in lungo e in largo, in tutte le ore del giorno e della notte, anche perché temevano che le due ragazze potessero imbattersi in adulti con brutte intenzioni di approfittarsi del fatto che non avessero soldi e dove andare a dormire.
Qui è scattato l’intuito del poliziotto che ha deciso di parlare insistentemente con la sorella gemella di una delle due perché era sicuro che lei potesse svelare qualcosa.

Infatti è stato proprio cosi: la sorella sapeva dove si nascondevano le due ragazze e lì gli agenti le hanno rintracciate.
Tutto è bene quel che finisce bene, però penso sempre che arrivare a rotture familiari di questo tipo non aiuta ne figli ne genitori.

La fuga è solo uno scappare senza voler affrontare le situazioni e spesso anche rischioso per chi si allontana.

FEDERICA SCIARELLI BIOGRAFIA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.