CONDIVIDI

Pulizia del forno a microonde

Il forno a microonde è ormai diventato un elettrodomestico immancabile nelle nostre abitazioni: permette di riscaldare e cucinare i cibi, ottimizzando così il tempo da destinare alla preparazione dei pasti.

Ma per ottenere il meglio da lui è necessario seguire alcuni accorgimenti, prima tra tutti la conoscenza dei materiali che possono essere inseriti al suo interno. Non tutti, infatti, sono adatti alla cottura al microonde, come la plastica.

È un errore piuttosto comune e le conseguenze sono: odore di bruciato, fumo, plastica sciolta e incrostata all’interno del microonde. Cosa fare? Come porre rimedio a questo inconveniente senza danneggiare il microonde? Scopriamo insieme la procedura più adatta e capace di dare ottimi risultati.

Lasciate perdere detergenti specifici, la soluzione è a portata di mano e quasi interamente gratis.

  • Attendete che la plastica si raffreddi. In questo modo sarà più semplice pulire la superficie ed eviterete di scottarvi.
  • Immergete uno straccio nell’ammoniaca, strizzatelo e appoggiatelo sulla plastica sciolta. Lasciate così per 15 minuti, spalancate le finestre e uscite dall’ambiente: l’unione plastica-ammoniaca può risultare nociva.
  • Una volta trascorso il tempo necessario e aver fatto arieggiare la cucina, strofinate la superficie interessata con una spugnetta abrasiva.
  • Se necessario, ripetete l’operazione più volte e aiutatevi con il raschietto per levare il ghiaccio dal freezer.

Per eliminare anche i fumi provocati dallo scioglimento della plastica, inserite all’interno del forno a microonde una ciotola con acqua e succo di limone (in parti uguali), fate riscaldare per un minuto e lasciatela lì per almeno due ore, tenendo chiuso lo sportello del forno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.