Ricetta elettronica

Dite addio alla vecchia ricetta rossa: da oggi, martedì 1 marzo 2016, la tradizionale ricetta medica sarà sostituita da quella elettronica o dematerializzata.

Da questo momento in avanti il medico, per prescrivere un farmaco, un accertamento o una visita, si collegherà a un sistema informatico, lo stesso che utilizzerà anche il farmacista per consegnarci i medicinali.

Ma la carta, almeno in questa fase iniziale, non andrà totalmente in pensione. Il dottore stamperà infatti un piccolo promemoria da consegnare al paziente, utile per recuperare la prescrizione anche in caso di malfunzionamento del sistema o assenza di linea Internet.

Una volta che il sistema sarà nel pieno delle sue funzionalità, sparirà anche il promemoria.

Ricetta elettronica: come funziona

Ma come sarà la nuova ricetta? Il medico compilerà sullo schermo la ricetta “telematica”, identica a quella cartacea tradizionale, e un Nre (numero ricetta elettronica) sarà associato al codice fiscale del paziente, aggiungendo così in automatico anche eventuali esenzioni. A questo punto il sistema stamperà il promemoria su un piccolo foglio A5.

Il progetto della dematerializzazione in campo sanitario è stato avviato tre anni fa ma si è concretizzato solo con il Dpcm del 31 dicembre 2015, entrato in vigore dal 1° gennaio 2016.

ricetta medica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.