CONDIVIDI

E’ arrivato il giorno della verità, dopo ore concitate a causa degli ultimi accadimenti dello scorso sabato con gli attentati che hanno riportato a galla la sensazione di paura a Londra. Ma chi la spunterà tra Teresa May, arrivata al giorno fatidico del voto con la convinzione di allargare la propria maggioranza e Jeremy Corbyn, il socialista alla guida del partito labourista? La corsa a Downing Street è partita e si voterà fino alle 23 (ora italiana) a cui seguiranno immediatamente gli exit poll e i risultati.

Regno Unito al voto: chi la spunterà tra May e Corbyn?

Teresa May è salita al potere la scorsa estate, precisamente a luglio 2016, dopo le dimissioni di David Cameron seguito al referendum clamoroso del 23 giugno che aveva visto il trionfi del sì del Paese all’uscita dall’Unione Europea.

La May aveva a lungo ripetuto di non voler accelerare il voto, originariamente fissato per il 2020, ma ora la premier britannica è giunta a chiedere un nuovo parere agli elettori, decidendo di sottomettersi al loro voto. Il risultato di queste elezioni sarà di non poco conto sopratutto visto che nonostante l’ampio vantaggio che la May ha nei sondaggi nell’ultimo periodo si è verificata l’ascesa del leader del partito laburista Jeremy Corbyn dovuta principalmente alle promesse in materia di politiche sociali.

Occhi puntati sulla Brexit

La Brexit continua a farla da padrone poiché se inizialmente l’attuale Premier si era schierata in modo piuttosto timido per la permanenza, ora invece si è schierata per un “divorzio” serrato dal mercato unico e con un controllo ancor più forte sull’immigrazione. Al momento si prevede che i negoziati sulla Brexit prendano il via tra poco più di 10 giorni, presumibilmente il 19 giugno, se i britannici con il voto di oggi daranno nuovamente il sostegno alla May che rimarrà così ancora al numero 10 di Downing Street. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.