CONDIVIDI

Le perdite di sangue  tra un ciclo e l’altro vengono definite spotting. A causarle possono essere fattori ormonali ormonali/disfunzionali oppure organici.

Si possono verificare anche quando si fa uso di due particolari metodi di contraccezione: la pillola e la spirale.

Quelle legate all’uso della pillola derivano da una carenza  di estrogeni. Di solito il sintomo si normalizza dopo i primi tre mesi.

Se però dovesse persistere  potrebbe essere utile sostituirla  con una più idonea per il caso specifico.

Un altro motivo che può far verificare casi di spotting è se si fa un uso non corretto della pillola (per esempio, quando ci si dimentica di prenderla) o nei casi di disturbi alimentari, come un mancato assorbimento intestinale degli ormoni in essa contenuta.

A volte lo spotting è causato da quella che viene definita una  “piaghetta” nel collo dell’utero.

Se tale condizione viene monitorata mediante controlli periodici con pap-test,  non deve destare nessun tipo di allarme.

In assenza di altre condizioni organiche, lo stress rappresenta una delle cause maggiori di alterazioni del ciclo mestruale, poichè influisce indirettamente modificando lo stato  di alcuni ormoni prodotti durante la giornata.

spotting

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.