CONDIVIDI

La pulizia del viso è una pratica molto importante che si dovrebbe fare mattina e sera. Se non avete tempo, fatelo almeno la sera prima di andare a letto, in modo tale che la cute del viso possa respirare senza impurità. In questo articolo parleremo di quelli che sono i benefici dell‘argilla (verde) in estetica sia per quanto riguarda la pulizia viso che quella dei denti.

Argilla verde cos’è e come funziona

L’argilla verde ha molteplici proprietà benefiche e può essere utilizzata in svariati ambiti, ma è nota soprattutto per essere un validissimo alleato contro le tossine.

Le sue proprietà disintossicanti sono conosciute da molto tempo e vengono sfruttate anche in natura per depurare l’ambiente dai metalli pesanti delle acque reflue industriali. È possibile ottenere un effetto simile anche sul nostro organismo, in particolare per eliminare le tossine e prendersi cura del sistema digestivo.

Come si assume l’argilla verde? Gli esperti consigliano di sciogliere un cucchiaino di argilla verde in polvere in un bicchiere d’acqua o nel succo di frutta, lasciare riposare per una notte, riprenderlo poi il giorno dopo, mescolare  e bere a stomaco vuoto. Tale rimedio va ripetuto ogni giorno per 21 giorni, poi si fa una pausa di una settimana e si ricomincia.

Ma i benefici legati all’argilla non finiscono qui, si tratta infatti di un ingrediente molto utile anche  per la cura della pelle. Viene spesso usata per realizzare maschere purificanti per il viso, è infatti ideale per eliminare le impurità dai pori, curare le macchie, tonificare ed esfoliare la pelle dalle cellule morte superficiali.

Se si ha la pelle secca o sensibile, sarebbe meglio limitare l’utilizzo dell’argilla a una sola volta alla settimana, onde evitare che questo ingrediente secchi eccessivamente la pelle o la irriti.

In commercio esistono le maschere già pronte all’uso, ma è possibile realizzarle anche in casa in maniera molto semplice: non dovrete far altro che mescolare l’argilla in polvere con l’aloe vera, se avete la pelle sensibile, o con qualche goccia di olio di jojoba, se la pelle è grassa.

L’argilla verde può inoltre essere utilizzata come cicatrizzante in caso di tagli, graffi, piccole ferite, lenitiva contro distorsioni, ustioni minori e punture di insetti. Si preparano degli impacchi da applicare sulla zona interessata.

Non solo, rappresenta un ottimo rimedio naturale contro i crampi mestruali, la nausea, dolori muscolari e delle articolazioni. Per quanto riguarda il ciclo, si consiglia di bere argilla e acqua nelle prime tre settimane e applicare un impacco nel bassoventre durante le mestruazioni.

Olio essenziale di limone per pulire la pelle

Conosciuto sin dall’antichità, l’olio essenziale di limone, estratto dalla scorza dell’agrume, è un ingrediente dalle molteplici proprietà benefiche. Il suo ambito di applicazione varia dal settore cosmetico a quello terapeutico, senza dimenticare la classica aromaterapia.

I suoi benefici sono talmente tanti da renderlo un prodotto estremamente versatile e multiuso. Grazie al suo importante apporto vitaminico, si può rivelare un valido alleato per la cura della nostra pelle. Può essere utilizzato puro o inserito nella preparazione di creme e maschere.

La presenza delle vitamine del gruppo B e della vitamina A gli attribuiscono un potere antibatterico, astringente e ringiovanente. Azioni che lo rendono particolarmente adatto ai trattamenti sulla pelle grassa o affetta da acne.

L’essenza di limone possiede inoltre proprietà schiarenti, promuove la formazione di nuove cellule dell’epidermide e combatte la comparsa dei segni del tempo. Per questo motivo è indicata nei trattamenti contro le macchie solari o di vecchiaia, rughe e smagliature.

Ecco come realizzare in casa una maschera per il viso. Mescolate tre cucchiai di yogurt bianco con sette fettine di cetriolo e cinque gocce di olio essenziale. Applicate sul viso pulito e lasciate in posa per 20 minuti. Trascorso il tempo necessario, lavate con acqua tiepida. Da ripetere due volte a settimana.

Potete aggiungere qualche goccia di questo olio essenziale anche nella preparazione di maschere all’argilla bianca.

Questa essenza risulta particolarmente indicata per il contorno occhi, una zona estremamente delicata e per questo soggetta alla formazione di inestetismi come le occhiaie e le famose zampe di galline. L’olio essenziale di limone può rivelarsi di grande aiuto.

Tamponate la zona interessata con l’essenza mescolata a una crema neutra o a un olio base, effettuando movimenti lenti e circolari. Eseguite tale trattamento per venti giorni, quattro volte l’anno.

Pelle disidratata rimedi

Molte persone si ritrovano a dover fare i conti con la pelle disidratata. Le cause di questo disturbo sono molteplici e ognuno necessita di una cura appropriata, per questo è molto importante individuare il fattore che ha determinato la disidratazione.

Aggressioni esterne di tipo climatico (vento, freddo, sole), alimentazione scorretta (povera di frutta e di liquidi), riscaldamento domestico eccessivo, utilizzo di saponi aggressivi, esposizione al sole prolungata e senza l’opportuna protezione cutanea, sono tra i principali fattori che possono causare la disidratazione della pelle. Qualora riteniate che il vostro problema non dipenda da nessuna di queste cause, sarebbe meglio rivolgersi a un dermatologo, lui saprà dirvi il motivo della disidratazione e vi darà la cura adatta.

Negli altri casi, invece, non è difficile trovare una soluzione. In commercio esiste un’ampia gamma di cosmetici indirizzati alla cura della pelle, ma bisogna stare attenti alla loro composizione perché non tutti sono indicati in casi di disidratazione. Acquistando quello sbagliato si rischia di non risolvere il problema o addirittura di peggiorarlo, oltre che spendere soldi inutilmente.

Le creme adatte sono quelle che contengono sostanze grasse e altre in grado di restituire alla pelle la giusta idratazione, come il collagene, l’elastina, l’acido ialuronico.

Ridurre la frequenza dei lavaggi è fondamentale per combattere la pelle secca. Non solo, la riduzione delle detersioni deve essere abbinata anche all’utilizzo di saponi non aggressivi, preferite quelli neutri e privi di sostanze “violente”, come il sodio laurilsolfato (in inglese Sodium Lauryl Sulfate o SLS) o il sodio lauriletere solfato (Sodium Laureth Sulfate o SLES).

L’utilizzo dei guanti nelle faccende domestiche vi aiuterà a difendere la pelle delle vostre mani dall’azione nociva dei prodotti chimici impiegati per la pulizia.

Multimasking: trattamento pelle luminosa

La nuova tendenza in fatto di skin care si chiama Multimasking e consiste nell’utilizzare più maschere per il viso. Non solo una maschera alla volta, dunque, ma una combinazione di diversi trattamenti per la pelle. L’obiettivo è quello soddisfare le varie esigenze della pelle del viso. Ogni zona, infatti, ha la sue problematiche principali, da qui la necessità di specifici trattamenti.

Il Multimasking li riunisce in un’unica seduta, evitando così di applicare più prodotti separatamente, con notevole risparmio di tempo. Aspetto non da poco in questa vita frenetica!

Così, sulla zona T, ovvero quella zona che comprende naso, fronte e mento, si applicherà una maschera a base di argilla o acido salicilico, in modo tale da rispondere ai problemi di lucidità e grassezza, tipici di questa parte del viso.

Le guance, invece, devono essere idratate e tonificate, pertanto sono necessari prodotti a base di acido ialuronico e vitamina C . E il contorno occhi? Contro borse e occhiaie bisogna far scendere in campo una maschera a forte azione idratante e decongestionante .

Via libera, dunque, a creme più o meno fluide, lunette adesive… Questa tecnica non è solo efficace ma permette anche di ridurre i tempi necessari per la cura del viso: basterà ritagliarvi una giornata alla settimana.

È stata Kim Kardashian a renderla nota, e ora sta letteralmente spopolando tra le donne. Sui social abbondano le foto di star e persone comuni con il viso pezzato.

Multimasking.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.