CONDIVIDI

Il termine psoriasi significa letteralmente “condizione di prurito” e fa riferimento ad una malattia della pelle di tipo infiammatoria, cronica e recidivante.

Quando si manifesta, la pelle diventa più spessa un alcune zone, assumendo un aspetto più roseo in un primo momento, per poi tendere al bianco. Non c’è un criterio legato alle parti del corpo: la psoriasi può comparire ovunque, anche se stando a delle statistiche, si manifesta in particolar modo vicino alle ginocchia, ai gomiti, al cuoio capelluto, alle mani, ai genitali, alla schiena e alle piante dei piedi. 

Ma quali sono le cause delle psoriasi? Scopriamone di più!

Psoriasi Cause

Diversi studiosi si sono occupati della psoriasi e dei suoi fattori scatenanti: a tal proposito, si è arrivati alla conclusione che non esiste una risposta universale. Pertanto, si possono prendere in considerazione diversi elementi, tra cui:

Genetica

A volte può trattarsi di una questione ereditaria. Se in famiglia dovessero essere presenti diversi casi di psoriasi, le probabilità di esserne affetti aumenta in maniera decisiva.

Ambiente

Specialmente se si vive in una città dove c’è molto inquinamento ambientale, il corpo dell’essere umano diventa più predisposto ad una serie di patologie, dalle più banali alle più complesse.

Stress o traumi 

Come ben sappiamo, il nostro corpo spesso rappresenta il risultato di una serie di meccanismi cerebrali. Quando la mente è stressata o subisce dei traumi, il fisico ne risente in maniera notevole. Di conseguenza, può capitare che a forza di vivere situazioni spiacevoli, anche la pelle vada incontro a delle vere e proprie infiammazioni. 

E sempre per quanto riguarda il discorso dei traumi, può capitare che si verifichino non soltanto a livello psicologico ma anche in termini di ustioni o cicatrici (dovute a scottature e cadute) che nel corso del tempo generano la comparsa delle chiazze psoriasiche.

Fumo e alcol

Già di base il fumo e l’alcol non fanno bene all’organismo. Se poi si eccede nelle quantità, è ovvio che si scateni qualche reazione del nostro corpo. Non è detto che sia soltanto interiore (ad esempio sugli organi) ma può anche essere esteriore e dunque a livello di epidermide.

Farmaci

Bisogna anche mettere in conto che se si dovesse fare uso di medicinali contenenti alcune sostanze con effetti collaterali, la pelle potrebbe risentirne attraverso la comparsa di macchie ed eruzioni psoriasiche. Questo fenomeno è molto frequente nei bambini, in quanto gli adulti nel corso del tempo, hanno sviluppato una certa tolleranza ai farmaci.

Alimentazione 

Infine (e non per ordine di importanza), è fondamentale inserire l’alimentazione nella lista dei possibili fattori scatenanti, specialmente se non si dovesse seguire un regime costituito da un corretto bilanciamento di sostanze nutritive. Talvolta, la psoriasi può essere anche una conseguenza di carenza di calcio, di alcune allergie o di intolleranze. 

In ogni caso, qualsiasi dovesse essere la causa scatenante, è preferibile rivolgersi sempre ad una figura medica competente, la quale saprà fornirvi di maggiori dettagli e soprattutto il trattamento da seguire per evitare che possa degenerare, estendendosi su tutto il corpo. 

Tipi di psoriasi

La psoriasi si manifesta in diverse forme e come conseguenza di vari fattori. Proprio per tale motivo, è possibile classificarla in diverse tipologie. 

Tra le più note, abbiamo la psoriasi di flessione o inversa e la psoriasi eritodermica. Scopriamole nel dettaglio.

Psoriasi di flessione o inversa 

Essa solitamente compare soltanto in alcune zone del corpo, come ad esempio sul petto, vicino ai genitali e nelle ascelle. Inoltre, in termini estetici, appare sotto forma di placche dal colore rossastro contenenti delle screpolature. La loro intensità può variare anche a base del livello di sudorazione.

Psoriasi eritrodermica

A differenza della precedente, la psoriasi eritrodermica si presenta con molta meno frequenza. È davvero rara ma allo stesso tempo la più deleteria, in quanto non intacca soltanto lo strato superficiale dell’epidermide ma agisce in profondità, generando una serie di disagi fisici.

Tuttavia, tra le tipologie di psoriasi più note, bisogna citare anche la psoriasi:

  • A placche
  • Nummulare
  • Guttata
  • Pustolosa palmare e plantare
  • Pustolosa localizzata o generalizzata
  • Seborroica
  • Oculare
  • Del cuoio capelluto
  • Delle mucose
  • Onicopsoriasi
  • Nevoide

E tanto altro ancora…

Psoriasi , trattamento topico e sistemico

A questo punto ci si chiede: come porre rimedio alla psoriasi? Esistono diverse soluzioni, volte al monitoraggio del caso specifico e si classificano in: trattamenti topici, trattamenti sistemici, fototerapia e terapie biotecnologiche.

Trattamenti topici

Il trattamento topico per la psoriasi consiste nell’applicazione di alcune sostanze in linea diretta sulle aree che ne risultano affette. Tra i più comuni abbiamo:

  • Tacalcitolo 
  • Cheratolitici
  • Calcipotriolo (anche associato al betametasone) 
  • Calcitriolo
  • Cortisonici
  • Tazarotene
  • Nanosilicone
  • Zinco piritione

Trattamenti sistemici

Essi vengono consigliati nel momento in cui il soggetto presenta una forma grave di psoriasi. Pertanto, si basano sulla somministrazione di:

  • Ciclosporina
  • Methotrexate
  • Fumarati
  • Retinoidi Orali

Fototerapia

A differenza dei trattamenti appena citati, la fototerapia non fa utilizzo di creme o farmaci ma si basa principalmente sulle radiazioni ultraviolette (UVB). 

In questa metodologia rientrano: la luce monocromatica, il laser a eccimeri e il trattamento PUVA.

Terapie biotecnologiche

Infine, per quanto riguarda le terapie biotecnologiche per la psoriasi, vengono utilizzati una serie di anticorpi tra cui:

  • Infliximab
  • Adalimumab
  • Etanercept
  • Secukinumab
  • Ustekinumab
  • Brodalumab
  • Ixekinumab

E tanti altri ancora… 

Psoriasi rimedi naturali

Prima di procedere con il trattamento farmacologico, sarà fondamentale consultare un medico e non procedere in maniera autonoma, onde evitare spiacevoli controindicazioni.

Tuttavia, è possibile provare a ridurre in maniera notevole le macchie da psoriasi, attraverso dei metodi naturali, basati principalmente sulla cura dell’alimentazione e l’utilizzo di oli essenziali.

Per quanto riguarda l’alimentazione, è importante assumere molti alimenti a base di vitamina C ma anche di zinco, selenio, vitamina E ma anche betacarotene.

Di conseguenza, sono concessi gli agrumi, la frutta secca, i pomodori, le carote, i broccoli, i peperoni, gli spinaci e le albicocche. Inoltre, si raccomanda di bere molta acqua (almeno 2 litri al giorno) ed evitare il più possibile bevande zuccherate, cibo spazzatura, salumi, alcol e fumo. Se possibile, ridurre il consumo di caffè.

A livello di oli essenziali invece, si consiglia il consumo di camomilla, lavanda, bergamotto e geranio. Infine, c’è chi decide di trattare la psoriasi attraverso la medicina tradizionale cinese, i fiori di Bach e una serie di rimedi omeopatici (ad esempio arsenicum album, arsenicum iodatum, sephia e via dicendo).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.