Chi soffre di psoriasi sa bene quanto questa patologia possa essere invalidante. Il termine invalidante fa riferimento al fatto che la psoriasi crea un vero e proprio problema sociale in quanto la sua comparsa crea disagio per il soggetto che ne è affetto. Uscire di casa con croste in tutto il corpo crea sconforto e depressione. La psoriasi cutane però si può curare con creme adatte. Vediamo quindi di capirne di più

Cos’è la psoriasi e come si manifesta

La psoriasi è una malattia della pelle piuttosto comune. Si tratta di una patologia cronica, non contagiosa e provocata da numerose cause. Può colpire varie parti del corpo, compreso il cuoio capelluto.

La psoriasi si manifesta con arrossamenti, chiazze, indurimenti, ispessimenti e con la formazione di scaglie squamose, sintomi che possono essere contrastati con l’utilizzo di alcuni impacchi naturali.

Psoriasi in tutto il corpo

Questa patologia può presentarsi con un grado di gravità variabile: da una-due lesioni a una dermatosi disseminata. Motivo per cui possono essere individuati diversi tipi di psoriasi. Tra le forme più gravi c’è la psoriasi eritrodermica, in cui tutto il corpo si presenta arrossato e infiammato, coperto da fini squame. Talvolta sono presenti altri sintomi come prurito intenso, dolore e sensazione di bruciore.

Questa condizione, fortunatamente rara, può essere particolarmente invalidante per il paziente e necessitare di un ricovero ospedaliero. L’insorgenza può essere rapida e causare una serie di effetti collaterali quali: febbre alta per l’eccessiva perdita di calore causata dall’aumentato flusso ematico a livello della cute, calo ponderale, ipoproteinemia, ipocalcemia, iposideremia, scompenso cardiaco ad alta gittata.

Le cause non sono ancora state individuate con precisione. Alcuni casi sono la conseguenza di varie dermopatie, come dermatite atopica, psoriasi, dermatite da contatto. Mentre altri possono essere dovuti all’assunzione di farmaci o all’azione di agenti topici. Può inoltre essere legata a micosi fungoide o linfoma.

Questa malattia può necessitare di una terapia a vita e spesso si ricorre al ricovero in ospedale. Il trattamento locale è lo stesso utilizzato per la dermatite da contatto. I corticosteroidi per via orale devono essere usati soltanto quando altri trattamenti risultano inefficaci.

Al fine di una corretta diagnosi sono importanti le informazioni anamnestiche o i segni di una dermatosi primitiva.

Migliore crema idratante per psoriasi

L’idratazione della pelle deve essere sempre garantita, ancor più se si soffre di psoriasi. In presenza di questo disturbo, infatti, la pelle ha una maggiore necessità di essere costantemente idratata, per questo è importante applicare creme emollienti e lenitive.

Questi prodotti, infatti, aiutano a combattere la secchezza della cute, le squame tipiche delle lesioni psoriache e il rossore.

L’importanza di usare degli emollienti, da soli o in aggiunta alle terapie, è stata confermata in uno studio pubblicato recentemente sull’European Journal of Dermatology. I risultati della ricerca, condotta da un team di studiosi francesi e tedeschi, hanno evidenziato che una pelle costantemente idratata può allungare i periodi di remissione della malattia e intensificare gli effetti positivi delle terapie che il paziente sta seguendo.

“Lo studio – spiega Ketty Peris, direttore della Clinica Dermatologica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma – ha preso in considerazione vari tipi di emollienti, le acque termali e prodotti vari per la cura della pelle. E i risultati confermano la grande importanza di idratare la pelle regolarmente.”

Non tutti i pazienti affetti da psoriasi danno la giusta attenzione all’idratazione della pelle, invece dovrebbero usare “creme idratanti contenenti per esempio urea, che è in grado di trattenere acqua e, ad alte concentrazioni e nell’uso continuativo per giorni, è in grado anche di rimuovere le squame – precisa Peris -. Anche le creme con sostanze ad azione lenitiva o con vitamina E ed antiossidanti possono essere utili.”

Quella a base di cortisone o acido salicilico, invece, devono essere utilizzate in casi particolari: il cortisone quando l’infiammazione è intensa, mentre i prodotti con acido salicilico per togliere le squame.

La crema dovrebbe essere applicata almeno una volta al giorno, in abbondante quantità e massaggiata fino a totale assorbimento. Per un maggiore assorbimento, si può ricorrere alla “medicazione occlusiva”: applicate la crema, avvolgete la parte interessata con una pellicola di plastica trasparente e lasciate agire per tutta la notte. Da evitare le garze di cotone perché tendono ad assorbire il prodotto messo sulla pelle.

Psoriasi rimedi con impacchi

Impacco a base di cavolo e olio essenziale di neem

È uno dei trattamenti naturali contro la psoriasi più conosciuti. Prendete le foglie più esterne di un cavolo, lavatele con acqua tiepida, eliminate la parte più dura e asciugatele bene. Schiacciatele passandoci sopra un mattarello in modo tale da favorire la fuoriuscita delle sostanze benefiche contenute. Applicate le foglie sulla parte da trattare e avvolgete con della garza.

Grazie al suo potere emolliente, questo impacco è ideale contro la psoriasi del cuoio capelluto: aiuterà ad eliminare le cellule morte in eccesso, disinfettando e ripulendo la cute, facendo diminuire così bruciori e prurito.

In un pentolino mettete 2 cucchiaini di olio di mandorle, 2 cucchiaini di olio di jojoba, 2 cucchiaini di olio di monoi, 2 cucchiaini di olio di Neem, 2 cucchiaini di burro di karitè, 2 cucchiaini di miele millefiori e 6 gocce di olio essenziale al mandarino o alla lavanda. Fate sciogliere a bagnomaria e poi applicate il composto ottenuto sui capelli, massaggiando. Pettinate la chioma per distribuire l’impacco in maniera uniforme e lasciate agire per due ore. Trascorso il tempo necessario, lavate accuratamente. Un’altra versione prevece l’utilizzo di 20 gocce di olio essenziale di lavanda, 20 gocce di olio essenziale di eucalitpto e 20 gocce di olio essenziale di neem.

Impacco all’avocado

Sempre per il cuoio capelluto, vi segnalo quest’altro impacco a base di avocado. Sbucciate 1 avocado e tagliatelo a metà, eliminate il seme e schiacciate la polpa con una forchetta. Aggiungete 1 cucchiaino di olio d’oliva e 1 di tea tree riscaldati per 25 secondi. Unite anche 1 albume. Mescolate per amalgamare bene gli ingredienti. Applicate il composto sui capelli lavati e frizionati, indossate una cuffia da doccia e lasciate in posa per almeno un’ora. Dopdoché, pettinatevi per eliminare le scaglie. Questo trattamento deve essere ripetuto una volta alla settimana.

Psoriasi del cuoio capelluto 

La psoriasi più fastidiosa è senza dubbio quella che colpisce il cuoio capelluto. In questo caso, oltre a causare i sintomi tipici di questa patologia, come forti arrossamenti, prurito, bruciore, formazione di squame, si può verificare anche la perdita di ciocche di capelli, con le conseguenze psicologiche che ne derivano.

Anche quando colpisce il cuoio capelluto, la psoriasi è una malattia della pelle e non dei capelli, pertanto, se pensate di avere questa patologia, dovete rivolgervi a un dermatologo. Se invece dovesse essere presente anche un diradamento della chioma, è il tricologo che deve essere interpellato.

Alcuni trattamenti efficaci consistono nell’uso di creme a base di calomelano: il prodotto va applicato sul cuoio capelluto, si massaggia e si lascia agire per alcune ore, per poi sciacquare e lavare i capelli con uno shampoo antiforfora.

Dal momento che la psoriasi ha solitamente un andamento cronico, con fasi acute e altri remissive, si sconsigliano trattamenti intensivi ed eccessivamente prolungati nel tempo. Meglio sospendere periodicamente i cicli curativi, in modo da evitare effetti collaterali che potrebbero danneggiare la situazione.

Psoriasi cuoio capelluto rimedi 

Lo stile di vita e l’alimentazione svolgono un ruolo di primo piano nella battaglia contro la psoriasi. Pertanto, è bene seguire alcuni accorgimenti: preferire alimenti biologici; mangiare frutta fresca con la buccia e verdura; consumare legumi, cereali integrali; alimenti ricchi di omega 3, fermenti lattici vivi o alimenti che ne contengano, come lo yogurt; sostituire pane e pasta tradizionali con quelli integrali; limitare o evitare i grassi di origine animale; bere molta acqua, meglio se accompagnate con del limone.

Gli impacchi possono essere molto utili contro la psoriasi del cuoio capelluto, in particolare sono consigliati questi ingredienti: burro di karitè, olio essenziale di neem, olio di origano, olio extravergine d’oliva e olio di cocco. Sono efficaci anche se utilizzati singolarmente. Applicate il prodotto sul cuoio capelluto, massaggiate, lasciate in posa per un po’ e poi sciacquate i capelli. L’impacco a base di burro di karitè deve essere lasciato in posa per una notte intera.

Psoriasi consigli della nonna

Per alleviare gli effetti della psoriasi è bene partire dalla depurazione dell’organismo, adottando uno stile di vita sano caratterizzato da una corretta alimentazione, sport ed esposizione al sole. Per quanto riguarda la dieta, sarebbe meglio limitare il consumo di alimenti di origine animale a favore di frutta e verdura, con l’aggiunta di zenzero, curcuma ed erbe varie. Trattamenti come acque termali, grotte di sale, fanghi possono essere di grande aiuto.

Tra i rimedi naturali maggiormente utili contro la psoriasi troviamo:

  • Aloe vera: grazie alla sua azione emolliente e riepitelizzante, allevia la disidratazione e l’infiammazione e favorisce la creazione di strati superficiali di nuova pelle.
  • Propoli: è una sostanza riepitelizzante, antibatterica e antinfiammatoria. Riduce i bruciori causati dalla psoriasi.
  • Pompelmo: ha potere antiossidante;
  • Oli vegetali: di macadamia, di jojoba, di mandorle dolci, di Neem. Sono indicati contro la psoriasi perché ricchi di proprietà emollienti, protettive, antiossidanti e preventive contro le infiammazioni.
  • Ananas: la bromelina contenuta in questo frutto riduce il dolore e stimola la repitelizzazione.
  • Tisana di sambuco: cura la pelle dall’interno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.