E’ un speranza per curare il cancro? Ecco cosa dobbiamo sapere:

Arriva direttamente da Copenaghen la notizia di una scoperta tanto accidentale quanto importante. Un gruppo di scienziate potrebbe aver trovato la cura contro il cancro: i ricercatori cercavano una cura per proteggere le donne incinte dalla malaria, malattia che causa gravi problemi poiché attacca la placenta.

Durante la gravidanza la placenta produce una proteina particolare che si lega al condroitin solfato, della famiglia dei carboidrati, presente nei tumori e nella metastasi. Inoltre, la rapida crescita della placenta dal punto di vista biochimico somiglia agli organi attaccati dal cancro.

Qual è il collegamento tra la malaria e la placenta?

Il plasmodio produce una specifica proteina che si aggancia a una molecola di zucchero tipica della placenta. I ricercatori hanno dunque scoperto che la proteina presente nel vaccino anti-malaria finisce per attaccare anche le cellule tumorali.

Di conseguenza si è pensato di creare in laboratorio una proteina che il parassita della malaria utilizza per aderire alla placenta alla quale è stata aggiunta una tossina.

La proteina e la tossina riescono a individuare le cellule tumorali prima che la persona si ammali.

Gli studi condotti in laboratorio su cellule e su topi malati di tumore hanno mostrato che il procedimento ha debellato il 95% delle cellule neoplastiche, con applicazioni sperimentarli non Hodgkin, nel tumore della prostata e nel cancro della mammella.

Ora si spera di poter provare l’efficacia del procedimento anche sull’uomo.

TUMORE AL SENO SINTOMI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.