“ATTENZIONE!! In questi giorni nelle aree di parcheggio e nei distributori di benzina alcune persone vi regalano gratis portachiavi per la macchina o la moto. NON ACCETTATELI ASSOLUTAMENTE O BUTTATELI VIA: al loro interno c’è un microchip che segnala la vostra presenza in casa. Quando uscite, loro sono al corrente di dove vi troviate in quel preciso momento e possono entrare nella vostra abitazione senza preoccupazioni. Questa è l’ultima pensata di alcuni malviventi dell’Est Europa per fare furti nelle nostre case. Da fonte sicura.”

Questo è il testo del messaggio (ne esistono alcune varianti) che da qualche giorno gira su facebook mettendo in allarme tantissime persone. Ma sarà una notizia fondata? A darci una risposta ci ha pensato il giornalista Paolo Attivissimo dal suo blog attivissimo.blogspot.com, specializzato in bufale online. “Quest’appello è di una stupidità così terminale che verrebbe voglia di negare l’accesso a Internet (e a qualunque cosa più tecnologica di una pietra di selce) a chiunque lo inoltri credendoci. Ma a guardar bene è talmente idiota che ha un suo fascino morboso, anche perché rivela quanto sia preoccupantemente diffuso il pensiero magico a proposito della tecnologia.”

“Pensateci un attimo – continua – Questi ipotetici ladri disseminatori di portachiavi avrebbero una tecnologia che non solo sarebbe degna di James Bond (sensore di presenza più GPS più trasmettitore più alimentazione, tutto dentro un portachiavi), ma costerebbe talmente poco che la regalano. Come funzioni, questa tecnologia, non si sa: ma la notizia arriva “da fonte sicura”. Fonte che però non è specificata. Tanto valeva scrivere ‘me l’ha detto mio cuggino.’”

“Non si capisce come il portachiavi faccia a segnalare la presenza in casa – aggiunge il giornalista – Come la rileva? Se lo ficco in un cassetto, come fa a sapere se c’è qualcuno in casa? Come trasmette? Che portata ha? Quanto durano le batterie? È mai possibile che ci siano bande di ladri che passano ore a monitorare migliaia di gingilli elettronici in attesa che qualcuno di essi dia il segnale giusto? E questi trasmettitori non causano interferenze, che magari la Polizia Postale o i radioamatori saprebbero rilevare?”

5 COMMENTI

  1. il futuro deve avere opzioni di scelta se uno vuole essere vigilato o no semplicemente… firmi un contratto di diritto come fanno i nostri artisti.. con le compagnie che danno i servizi.. con clausure da discutere e non scritte in piccolo se no in grande… se succede cualcosa quando dormo il responsabile he chi manovra la tecnologia uff basta….. tanto in italia mentre noi stiamo a terrorizzarci per ste cose,,,, i nostri governanti fino a 10 anni fa che rimanevo attualizzato ,,,, spendevano 90.000.000 di euro al anno per dischi dure e registraretutti i cellulari di italia dunque ..matematica del ignorante ho la assicuraziona pagata dalle mie tasse e la usano solo per evitare che esco dal recinto ma bravi sti intelligenti…. di prostitute di governo… che abbiamo … capite he meglio un ladro in un semaforo che lo vedi! che essere tutta la vita rubato da chi dovrebbe dare sicurezza … gia con sti dati un hacker non ha neanche bisogno di un gps portachiavi per farti credere che ti son venuti i ladri in casa…..

  2. Veramente il post parla della capacità di segnalare la posizione in cui si trova il portachiavi…si presuppone che un portachiavi "avendo attaccate in esso le chiavi", segua chi esce di casa e per questo viene etichettato come spia di presenza . Cmq bufala o no…se non era uno spunto per i ladri…adesso potrebbe diventarlo

  3. be se ti devono rubare stasera durano le batterie… loro magari solo hanno bisogno di sapere dove sei.. esiste un gadget gps portachiavi dura 30 ore di memorizzazione non trasmette pero se esisteva 5 anni fa adesso militarmente sicuro esistono supposte termo bioniche angolari poi se sono dalla turkia libano o paesi in conlficto verso russia la tecnologia non costa niente per la china insomma …porta chiavi o no se mi capita a me sicuro sono un gutalax per il donante! adoro queste cose e come la legge solo si fa gargare con noi per proteggerci io mi faccio le gargare con la legge!!!!!!!!!!

  4. e se fosse vero? Ho letto anche della scatola nera in alcune auto con sensori che segnalano dove sei, cosa fai e cosa dici? Bisognerebbe approfondire tutto questo, è un controllo non autorizzato. Buona Natale a tutti. GD.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.