Avete mai sentito parlare della piramide dei bisogni di Maslow?

Si tratta di una rappresentazione che fa riferimento a tutte le necessità dell’essere umano.

Esse si ordinano attraverso una struttura gerarchica che ci fa comprendere nello specifico le priorità di ognuno di noi. Di conseguenza, si scoprono le energie che spingono la nostra coscienza verso una determinata azione o attività.

Tuttavia, prima di parlarvi nel dettaglio la piramide dei bisogni, scopriamo insieme qualcosa in più su Abraham Maslow!

Maslow chi è

Secondo il giornale scientifico “The Review of General Psychology” al decimo posto degli psicologi più rinomati del XX secolo troviamo Abraham Harold Maslow.

Egli, nato a Brooklyn l’1 aprile del 1908, fu il primo di sette figli, in una famiglia di immigranti (ebrei di origine russa).

Sin da giovane, si appassionò al mondo della psicologia, tanto che nel 1951 divenne uno dei pilastri dell’Università Brandeis, in Massachusetts.

Nella sua opera intitolata “Motivazione e personalità”, parlò della piramide dei bisogni, indicando tutte le motivazioni dell’essere umano, dalle più blande alle più importanti.

Questo suo operato non passò di certo indifferente agli occhi degli esperti del settore.

Proprio per tale motivo, Maslow raggiunse un successo non indifferente e ancora oggi si parla di lui sui libri dedicata alla psicologia umana.

Piramide dei bisogni cos’è

Andando nello specifico, possiamo dire che la piramide di Maslow sia strutturata secondo due categorie principali: i bisogni primari (ad esempio quelli fisiologici) e i bisogni più avanzati (legati alla realizzazione personale).

Ogni singolo elemento è interconnesso. Allo stesso tempo, alcuni obiettivi variano a seconda del soggetto specifico. Ovviamente, non si fa riferimento ai bisogni fisiologici (quelli sono universali) ma alle priorità su cui ci si basa nella vita quotidiana.

Tuttavia, Maslow ci fa intendere che spesso per poter inseguire le esigenze più complesse sarà necessario aver soddisfatto quelle basilari.

In linea generale, la piramide dei bisogni di Maslow è costituita da cinque livelli. Partendo dal basso verso l’alto, troviamo:

Bisogni fisiologici

I bisogni fisiologici sono quelli strettamente legati al proprio istinto di sopravvivenza.

Pertanto, includono il bisogno di acqua, riposo, cibo, senso di riparo (anche in termini di abbigliamento) e stabilità psicofisica.

Ma non è tutto. In tale categoria, Maslow ha voluto aggiungerci il sesso, soltanto che nel corso del tempo si è generato un forte dibattito.

Questo perché si tratta di un elemento che nasce principalmente in seguito ad un bisogno fisico ma non emozionale.

Bisogni di sicurezza

Successivamente, nella piramide dei bisogni troviamo tutto ciò che ha a che fare con la sicurezza.

Di conseguenza, si fa riferimento alla stabilità che non include soltanto il fisico e l’emotività ma anche dal punto di vista finanziario, di istruzione e personale, in base anche al percorso di crescita individuale.

A livello pratico: la soddisfazione di essersi laureati, ricevere un riconoscimento lavorativo, scoprire qualcosa di innovativo, raggiungere una stabilità economica e così via.

Bisogni di accettazione

Visto che la piramide risulta essere molto incentrata sulla questione emozioni, al terzo livello troviamo il bisogno di essere accettati e amati da qualcuno all’interno di una società.

Pertanto, c’è la necessità di dare e ricevere affetto (in famiglia, con il partner, con gli amici ecc) e la voglia di sentirsi parte integrante di un gruppo.

Per quanto possano esistere individui più propensi alla vita solitaria, è indubbio il fatto che ogni essere umano necessiti di punti di riferimento e compagnia in alcune situazioni. Un po’ come gli animali che nel branco si sentono più forti.

Bisogni di autostima

Il quarto livello della piramide è costituito dai bisogni legati alla propria autostima.

Ciò ci fa ben intendere che si basi principalmente sull’esigenza di essere riconosciuti per le qualità personali, rispettati per ciò che si è e ciò che si fa.

In questo modo, si può ottenere la stima altrui, in diversi contesti della vita quotidiana, che vanno dalla vita lavorativa a quella privata. Di conseguenza, nello specifico questi bisogni si classificano secondo la loro intensità.

Bisogni spirituali

Nel momento in cui l’essere umano si sente realizzato da quasi ogni punto di vista, spesso sceglie ulteriori motivazioni.

Come molti di voi già sanno, la felicità non è duratura e proprio per tale motivo si cercano sempre degli elementi/obiettivi per raggiungere l’apice della serenità.

Pertanto, si entra in una dimensione quasi spirituale e si ha intenzione di primeggiare rispetto ad altri soggetti, ad esempio in termini di talento.

Tale esempio è visibile in particolar modo negli sportivi o comunque in tutti quei contesti dove è presente l’aspetto della competizione.

Tuttavia, Maslow parla di spiritualità anche in altri contesti, che abbracciano a pieno la coscienza dell’essere umano.

Solitamente, questa caratteristica è strettamente interconnessa alla voglia di sentirsi più che un semplice essere umano e di distinguersi secondo una serie di qualità, che possono essere l’altruismo, la saggezza, la voglia di collaborare e via dicendo.

Piramide dei bisogni utilità

A questo punto ci si chiede: qual è l’utilità della piramide dei bisogni?

Maslow ha voluto presentare questo sistema gerarchico per spingerci verso un processo di autoanalisi.

Studiando tale sistema, si ha modo di comprendere al meglio su quale stadio motivazionale siamo collocati.

Di conseguenza, riusciamo ad identificarci con un livello specifico e capire a cosa vorremmo ambire in un determinato momento della nostra vita.

Ovviamente, l’essere collocati in un dato livello non implica di certo il non essere in grado di spingerci verso bisogni più alti. Magari nel corso del tempo li testeremo e percepiremo quel senso di “impotenza”, dettato dalla voglia di ottenere tutto e subito.

Allo stesso tempo però, ci si ritroverà dinanzi al fatto che spesso non tutto ci è concesso in uno specifico momento.

Forse perché la realtà circostante non ce lo sta consentendo o più semplicemente non possediamo la giusta motivazione che ci spinge a proseguire con determinazione.

Fatto sta che la piramide dei bisogni di Maslow si è rivelata molto utile per tantissime persone, specialmente per coloro che tendono a non soffermarsi molto sui dettagli.

Ogni tanto, effettuare un po’ di introspezione è importante per comprendere se stessi ma anche gli altri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.