La depressione può dipendere da varie cause: problemi in famiglia o a lavoro, un lutto, difficoltà economiche, la fine di una relazione importante. Alcune persone, in particolare coloro che hanno poca autostima, sono più inclini a questa malattia.

La depressione porta i soggetti che ne sono affetti a sviluppare solo pensieri negativi che li scoraggiano e li portano all’inattività, questo li fa sentire inutili e peggiora il loro stato d’animo. Si tratta di un vero e proprio circolo vizioso, una catena che va spezzata. Come è possibile cambiare questi pensieri negativi? Cercando prove a favore e contro e facendo un bilancio, cercando spiegazioni alternative, evitando di cadere nel catastrofismo, permettendosi di non essere perfetti e di poter anche sbagliare.

Oltre a cercare di mettere da parte i pensieri negativi, è importante non cadere nella trappola dell’isolamento. Le persone depresse devono sforzarsi di continuare a coltivare le amicizie, accettare il loro sostegno e quello dei familiari, uscire anche se non si sentono in vena, la compagnia di persone ottimiste e allegre può essere di grande aiuto. Così come frequentare gruppi di auto-aiuto sulla depressione.

Tenersi occupati svolgendo le attività preferite è un altro modo per vincere questa malattia. Andare al cinema, fare passeggiate, praticare sport, cucinare, dipingere, qualsiasi attività che sia in grado di donare piacere e allegria e faccia sentire utile la persona depressa.

Regolare le ore di sonno e di veglia, tenere sotto controllo lo stress, apprendere tecniche di rilassamento, sono altri aspetti importanti nella lotta contro la depressione. Per quanto riguarda il sonno, sarebbe opportuno dormire almeno otto ore e andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora.

Si consiglia di rivolgersi subito a una specialista se ci si accorge che i sintomi della malattia stanno peggiorando.

Ci capita spesso di utilizzare impropriamente il termine depressione, definendoci depressi quando in realtà siamo semplicemente vittime della pigrizia. Ma anche questo stato d’animo non deve essere sottovalutato, in quanto porta con sé i germi della depressione. Intervenire prima che la situazione degeneri è quindi di fondamentale importanza.

Depressione e pigrizia: le differenze

Il depresso non sta bene, è malato, soffre per la sostanziale perdita di energia e voglia di vivere, vede che gli altri fanno, si muovono, vivono, mentre lui sta fermo, immobile, si sente impotente, e questo lo turba profondamente.

La persona pigra, invece, non sta male. Certo, non è felice, ma il confronto con gli altri non crea alcun conflitto interiore.

Cullarsi nel dolce far niente è una sua scelta. Ed è qui che è sita la differenza principale tra pigrizia e depressione: il senso di compiacimento generato dalla passività del modo di vivere. Il pigro sta bene nella sua condizione, a volte tenta di darsi una scossa ma non dura a lungo e può riguardare solo alcuni ambiti, come il lavoro.

Tutto ciò che non rientra nella sfera del dovere, come vita sociale, affettiva e personale, non comporta in lui nessun obbligo di fare.

Dalla pigrizia alla depressione

Sprofondare per troppo tempo nell’apatia, però, può essere rischioso. Possiamo infatti dire che il cervello, attraverso la pigrizia, manifesta il rifiuto per determinate cose non più compatibili con la nostra vita, spronandoci ad attuare delle modifiche per rivitalizzarci. L’individuo, però, invece di ascoltare questo messaggio, continua a crogiolarsi nella pigrizia, finendo per naufragare nella depressione. Nella persona depressa prevale il pensiero pessimistico e l’umore è sempre molto basso; si manifestano spesso sensi di colpa e autosvalutazione; le cose perdono di significato; la stanchezza impedisce di fare anche ciò che piaceva di più.

Come uscire in tempo dalla depressione

 

Apportare dei cambiamenti, anche minimi, può donarci nuova linfa vitale, riscoprendo pian piano la voglia di vivere. Osservare persone e situazioni con occhi diversi, può far riemergere energie sepolte e far ritornare la voglia di fare.

sintomi depressione

depressione cause

depressione terapie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.