CONDIVIDI

Ammettiamolo: se ci capita di sapere qualcosa su qualcuno ci parte subito quel senso “chiacchiericcio” irrefrenabile!

La maggior parte delle donne sono un pò maliziose per natura, e soprattutto perchè  estremamente competitive , venire a conoscenza di eventuali talloni d’achille di qualcuno può  far credere di essere migliori!

Attenzione però a farlo sempre perchè , secondo alcuni concetti di psicologia, chi “sparla” cerca di emergere e, malignando, implicitamente parla bene di sé e dell’interlocutore di quel momento, tentando di conquistarne la fiducia.

Si forma così una aggregazione, uno “stare con”, nasce un contatto speciale. Nell’immaginario degli interlocutori, si crea un legame forte che potrebbe però rivelarsi privo di solide fondamenta qualora si basasse esclusivamente su questo scambio di confidenze private.

L’impulso a parlare male può essere determinato anche da sentimenti come il rancore, l’invidia, l’aggressività soffocata.

 A questo punto c’è da domandarsi: Ma spettegolare è sempre un male?

La risposta è non sempre perchè spettegolare può essere anche un divertimento!

Vissuto ogni tanto potrebbe alimentare la complicità tra le persone e rappresentare una modalità giocosa per conoscersi in maniera
più approfondita.

Considerato in questa ottica, il malignare può divenire anche uno strumento di integrazione e interazione sociale, contribuendo alla formazione di legami.
Una conversazione scaturita da un pettegolezzo, permette anche di valutare le reazioni e i commenti degli altri, confrontandoli con i propri.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.