In pensione a 63 anni

Novità sul fronte pensioni. I lavoratori potranno usufruire dell’Ape, l’anticipo pensionistico, dall’età di 63 anni, ovvero 3 anni e setti mesi prima dall’età stabilita dal pensionamento di vecchiaia. È il risultato dell’incontro al Ministero del lavoro tra i sindacati e il Governo, rappresentato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini. Si tratta di una mediazione raggiunta nelle scorse ore ma – come hanno sottolineato i sindacati – era in dirittura da arrivo già da parecchio tempo.

Il sistema di anticipo pensionistico, che avrà una sperimentazione di due anni, dovrebbe entrare in funzione l’anno prossimo e consentire a tutti i lavoratori nati tra i 1951 e il 1954 di andare in pensione in anticipo di uno, due o tre anni e sette mesi. I lavoratori che richiederanno l’Ape sottoscriveranno un prestito previdenziale ventennale, il cui costo varia in relazione all’ammontare della pensione e della durata dell’anticipo (si va dal 4-5% fino al 15%).

La rata di ammortamento oscillerà tra i 50 e i 60 euro al mese per venti anni per gli anticipi di un anno, fino a raggiungere i 150-200 euro al mese se l’anticipo sarà invece di tre anni, mentre dovrebbe invece essere azzerata per le pensioni che arrivano a 1.200 euro.

Per i disoccupati e i lavoratori in condizioni disagiate, invece, l’anticipo pensionistico sarà completamente gratuito.

Nell’incontro si è discusso anche dei lavoratori precoci e dell’aumento delle pensioni più basse, con l’intenzione di intervenire sulla quattordicesima. Inoltre, si è parlato di allargare la platea delle attività ritenute usuranti, facendovi rientrare anche quelle dell’edilizia, delle maestre d’asilo e degli infermieri. Ma su questi argomenti, come sottolineato dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti, i lavori sono ancora in corso.

Sono fiducioso e mi auguro che all’inizio della prossima settimana, quando ci sarà un ulteriore incontro con le segreterie confederali, si sia abbastanza vicini a una definizione precisa”, ha dichiarato Poletti.

pensioni-donne

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.