CONDIVIDI

Parto orgasmico meglio dell’epidurale

L’epidurale è la soluzione medica più conosciuta per lenire i dolori del parto ma, a quanto pare, non l’unica esistente. Angela Gallo, una donna australiana di 30 anni, già madre di due bambini, è una sostenitrice di una soluzione più naturale basata sul piacere: il “parto orgasmico”.

Questa tecnica è stata descritta per la prima volta nel 1985 dalla sessuologa Juan Merelo Barbera.

Parto orgasmico: come funziona

Sul suo blog sollecita le donne a seguire il suo esempio, considerandolo assolutamente efficace. “Il parto e il sesso – spiega Angela – passano per le stesse vie. Ormoni, sensazioni, attività cerebrale. È tutto fortemente intrecciato. Tante donne in tutto il mondo vivono il parto orgasmico, volevo provare anch’io.”

La donna ha raccontato la sua esperienza: “Ho scelto di far nascere il mio secondo figlio in casa, in un ambiente confortevole, circondata dalle persone che amo. E quando ho raggiunto i dieci centimetri di dilatazione, mi sono sentita più forte. Le doglie ti rendono una leonessa sexy.”

Il marito le ha chiesto di fare sesso “Deve avermi letto nel pensiero – continua -. Ovviamente non ne avevo le forze, ma la stimolazione clitoridea mi ha aiutato. Ho spostato l’attenzione sul piacere e i picchi di dolore sono stati più gestibili.”

Tale tecnica sollecita la produzione di endorfine, ossitocina e adrenalina, utili contro il mal di testa, l’insonnia e per la diffusione di un benessere generale, sopratutto in caso di depressione porta-partum. I benefici del parto orgasmico, sottolinea Angela, devono aiutare a superare tabù e repulsione verso questa tecnica.

Secondo uno studio francese condotto da Thierry Postel e pubblicato sulla rivista Sexologies, solo lo 0,3% delle donne sperimenta questa modalità di parto.

parto orgasmico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.