CONDIVIDI

Parigi, spari davanti a un commissariato: un uomo ucciso. Secondo quanto riportato dal quotidiano “Le Parisien” un uomo è stato ucciso questa mattina davanti al commissariato di polizia Goutte d’or.

Un giorno non a caso, dato che oggi ricorre l’anniversario della strage al settimanale satirico Charlie Hebdo e a meno di due mesi dagli attentati dello scorso 13 novembe.

Stando ai primi accertamenti degli artificieri la cintura esplosiva indossata dall’uomo sarebbe finta.

I fatti si sono verificati nel diciottesimo arrondissement di Parigi, nei pressi di Montmartre e dalle prime ricostruzioni degli inquirenti l’uomo ucciso stava per entrare all’interno del commissariato armato con un coltello.

L’uomo è stato ucciso intorno alle 12, poco prima del suo ingresso al commissariato e secondo alcuni testimoni avrebbe gridato “Allah akbar” (Allah è grande).

Proprio in seguito al grido l’uomo sarebbe stato colpito da una raffica di colpi.

Al momento sono in corso gli accertamenti da parte della polizia che ha chiesto agli abitanti delle case vicine di non affacciarsi ai balconi e di non uscire per nessun motivo.

L’intero quartiere è per ora presidiato dalle forze dell’ordine e le due scuole della zona sono state poste sotto protezione.

Da una prima analisi degli artificieri la cintura esplosiva indossata dall’uomo sarebbe finta.

Le generalità dell’uomo non sono ancora note e un portavoce del ministero dell’Interno ha dichiarato che secondo le prime informazioni riferite avrebbe agito da solo. Ricordando la massima prudenza il portavoce ha anche ammesso che ora è troppo presto per parlare di un attacco terroristico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.