CONDIVIDI

Palermo. Finalmente qualcosa si sta muovendo nella bella Sicilia , patria di paesaggi meravigliosi ma anche , putroppo, di tanta omertà. Oggi però l’accaduto che stiamo per raccontare da speranza ad un nuovo cambiamento per la popolazione siciliana.

Un ristoratore infatti ha deciso da subito di ribellarsi al suo usuraio che addirittura gli aveva minacciato di toglierli la villetta in cui vive. La vittima ha trovato il coraggio di ribellarsi, ha pensato bene registrando le conversazioni con il suo aguzzino e poi consegnarle alla Guardia di finanza. Stamattina, l’usuraio, un pescivendolo di Brancaccio, I.R., di 37 anni, è stato arrestato dagli investigatori del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo il cui capo è Cosimo Virgilio.

La registrazione audio: Nelle registrazioni del ristoratore emerge il  prestito di 13 mila euro ed il tasso di interessi dell’800 per cento annui.  Emergono anche  i modi del pescivendolo bruschi, tra cui quello di inseguire anche in strada le vittime per la riscossione delle rate mensili. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.