CONDIVIDI

Con l’arrivo della bella stagione, aumenta la coltivazione fai da te per chi ha orto e giardino.

La Coldiretti ha infatti stimato da poco un balzo del 6,3% delle superfici coltivate a orti familiari, per raggiungere i 174 milioni di metri quadrati. Questo avviene perchè gli italiani hanno la passione per il lavoro all’aria aperta, la voglia di vedere crescere qualche cosa di proprio, il gusto di mangiare prodotti freschi e di stagione, ma anche in alcuni casi di risparmiare senza rinunciare alla qualità. L’investimento per realizzare un orto a terra di 20 metri quadrati è intorno ai 250 euro includendo terriccio, vasi, concime, attrezzi, reti per delimitare le coltivazioni, sostegni vari, sementi e piantine.

La coltivazione sui terrazzi è invece si poche decine di euro. Come fare quindi ad ottenere un buon risultato? Innanzitutto tanta pazienza e passione: bisogna onoscere il tipo di terra, scegliere bene semi e piantine e garantire la giusta disponibilità di acqua.

PIANTA DI FRAGOLE

La primavera è arrivata, e tutte le piante stanno fiorendo. Floralia di Oldani Fabiano oggi ci suggerisce le PIANTE eduli, per decorare i nostri balconi, rendendoli colorati, profumati e utili per la nostra tavola!

E’ consigliabile mettere il vaso in un posto soleggiato. Attenzione, però, perché in piena estate il caldo eccessivo per fragole in vaso non va bene! Ricordate di irrigare con piccoli volumi d’acqua specialmente in fase di fruttificazione altrimenti si rischia di ‘annacquare’ il sapore dei frutti! L’utilizzo di un vaso sospeso o appeso favorisce lo sviluppo di ‘frutti pensili’ che rimarranno, in quanto lontani dalla terra, sani e più saporiti…

PAPAVERO PERENNE

Per coltivarli ci serve solo una ciotola di cm 30 di diametro e del terriccio per fiori arricchito con materiale drenante
Non sarà indispensabile un vaso enorme ma se ha spazio è bene approfittarne… Tra l’altro la ciotola può essere anche portata dal balcone in casa e diventare un centrotavola. L’esposizione per la primavera può essere pieno sole poi magari in estate all’ombra. Irrighiamo solo quando la pianta è asciutta perché non sopporta i ristagni. La fioritura non è molto prolungata ma porta con sé fascino e naturalezza. Piantati i semi dobbiamo solo aspettare e goderci la fioritura.

GINESTRA (CYTISUS PRAECOX)

Non è ancora fiorita in questo periodo, ma anche per questo può essere un ottimo momento per comprarla così da poterla coltivare sana e poterne raccogliere i fiori sbocciati direttamente sul nostro terrazzo. Consiglio un vaso abbondante (30 o 40 cm di diametro) e del terriccio bio arricchito con materiale drenante perché la ginestra soffre i ristagni. Una volta posizionata sarà difficile resistere alla tentazione di provare a farsi una frittata!
Il suggerimento in più: aggiungere nello stesso vaso delle VIOLE.
Le viole hanno dei colori molto belli e intensi e sono anche buone da mangiare…Dopo una frittata con la ginestra perché non passare a un dessert di viole?
Sono piante compatibili purché si bagni un po’ di più la viola perché beve di più; la composizioneva esposta tranquillamente al sole e concimata ogni 10-15 giorni con concime liquido bio. Ricordiamo di potare a fine inverno la ginestra così da evitare quel brutto effetto di fronde lunghe ed esili!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.