CONDIVIDI

Frate accusato di orge e pedofilia

Un finto camionista è riuscito a scoprire la vita nascosta di Adriano Stambè, 42 anni, frate dell’ordine dei predicatori domenicani, originario di Vibo Valentia e da un anno nella parrocchia di San Domenico di Messina. Accanto alle numerose foto con Papa Francesco Stambè custodiva anche i ricordi dei suoi incontri con minori e con altri frati.

La sua doppia vita fatta di pedofilia e orge è stata svelata da un finto camionista gay, Andrea Baldon, non nuovo a denunce di pedofilia nei confronti dei preti. Questa falsa identità si è rivelata sufficiente per far sì che il prete parlasse delle sue esperienze.

“Avevo trovato un padre che per prendersi la cocaina mi ha lasciato il figlioletto che accudivo – ha raccontato Strambè durante una chiacchierata in chat -. Alla fine è rientrato: non aveva soldi per prendersi la cocaina, ha voluto 100 euro e io sono andato a darglieli mi ha risposto ‘Io non sono mica frocio se vuoi ti faccio leccare due minuti il mio figlioletto’. Infine era carino e l’ho fatto. Aveva cinque o sei anni. Ho fatto due foto anche come dire guarda fino a che punto arriva la gente per prendersi la droga.”

Confidenze che il prete ha fatto al finto camionista per una ventina di giorni tramite chat e WhatsApp, il tutto registrato su un CD e consegnato lo scorso 23 aprile, con una querela in allegato, alla stazione dei carabinieri di Rovigo. Le carte sono state poi trasmesse alla procura con l’accusa di atti sessuali con minori.

“Una volta – si è vantato il prete in una delle conversazioni – sono stato con un ragazzino di 9 anni, ma gli ho solo toccato il pisellino e dato un bacetto. In chiesa l’ho portato dietro a un posto, questione di due secondi.”

Tra i suoi racconti anche le orge a cui avrebbero partecipato altri frati e preti diocesani. “Una volta-due al mese ci si mette d’accordo di trovarci e si affitta una casa con la scusa di un incontro spirituale, invece si fa sesso: Roma, Torino, Genova, Bari, Taranto, Bergamo, Milano, Brescia. Un sacerdote ha il compito di portarsi dietro uno per fare squadra di puro e sano divertimento, se ci stanchiamo paghiamo qualche escort ragazzo, andiamo sul sito che si chiama pianetaescort.com chiediamo e ne paghiamo uno o due e ci facciamo le cavalcate pazzesche.”

I pagamenti avvenivano “con le offerte che ci dà la gente, dipende se va ad ora o a notte, ma in media tremila euro.”

Stambè è stato allontanato “non è più a Messina – afferma Tanino Tripodo, vicario del Vescovo La Piana – Il fatto che sia stato denunciato non significa che è colpevole. Una cosa è se navigava su siti porno, altra cosa se ha avuto rapporti sessuali: entrambi sono gravi ma non sono la stessa cosa.”

“Non sono né un camionista, né un gay. Sono solo un cattolico credente che vuole smascherare coloro che tradiscono la legge di Dio e attentano ai bambini”, spiega Andrea Baldon, che già qualche mese fa aveva smascherato un sacerdote carmelitano di Taranto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.