CONDIVIDI

Omicidio Loris, parla il nonno

Mentre continuano le indagini sulla morte del piccolo Loris, il bambino di 8 anni trovato morto nel canalone della contrada Mulino Vecchio a Santa Croce Camerina, Andrea Stival, nonno del bambino e padre di Davide, ha rilasciato un’intervista all’Agi.

“Sto soffrendo, come padre e come nonno. I principi della nostra famiglia sono saldi, non abbiamo niente a che fare con tutto quello che sta emergendo e con le bugie, se tali saranno, di Veronica Panarello.”

Difende la sua famiglia, cercando di tenerla al riparo dal clamore mediatico e dall’altra famiglia, quella di Veronica, considerata “ lontana anni luce dalla mia, dalla nostra.”

Veronica continua a professarsi innocente, ma le contraddizioni presenti nelle sue confessioni pesano come un macigno su di lei “Chi ha sbagliato, chiunque sia, deve pagare. Non si può uccidere un bambino, in quel modo. A maggior ragione se è una persona che avrebbe dovuto difenderlo e non dire bugie sul suo conto. Amo mio figlio ed i miei nipoti. Vorrei fosse un brutto incubo ma temo che tutto ciò sia una realtà tanto brutta da superare qualsiasi finzione”, conclude il nonno di Loris.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.