CONDIVIDI

Ultimamente sul web si leggono storie di tutti i colori, è il bello e il brutto dell’informazione globalizzata.

Questa agghiacciante storia è accaduta nel Regno Unito e ora si trova all’attenzione della corte di Preston.

La vittima innocente e indifesa di questa rovinosa storia è un bambino di soli sette mesi, Oskar Jobey Kennedy.

A ucciderlo è stato suo padre, Kane Kennedy, che da quanto emerso durante il processo e in seguito all’autopsia, non era la prima volta che faceva violenza sul piccolo.

Gli atti barbari e violenti sul bambino si focalizzavano sui testicoli e sulla gola. Infatti il giovane, di soli vent’anni, quando era infastidito dalle urla del figlio premeva sui suoi testicoli fino a quando il dolore non gli spezzava il fiato.

Questo gesto si ripeteva soprattutto quando Kane era in astinenza da Marijuana e quindi evidentemente più irascibile.

Il 30 settembre, però, al ripetersi di un atto che ormai agli occhi di lui sembrava “normale“, al bambino venne spezzato non solo il fiato ma anche la vita.

Una storia angosciante, triste, che riempie di rabbia.

Rabbia perché è stata tolta la voce e la vita a chi non poteva combattere in nessun modo per sé stesso ed era in balia di genitori che avrebbero dovuto proteggerlo piuttosto che malmenarlo.

La pena della madre è già stata annunciata: 30 mesi di detenzione per non aver impedito il verificarsi di tali eventi.

La pena per il padre deve ancora essere decisa. Un padre che, ad oggi, nega tutti i fatti (dicendo che la colpa è della madre) che con tutta evidenza sono accaduti, che ha portato suo figlio in ospedale solo dopo avergli tolto il respiro. Un “padre” che non dovrebbe neanche avere il privilegio di portare tale nome.

A riportare gli avvenimenti di questa storia è il “Sun“, che diffonde le macabre scoperte fatte sul corpo del bambino. Il giudice incaricato ha definito “oscene” le ferite sul corpo del bambino riportate sull’auopsia del corpo.

Una vicenda dura da accettare, impossibile da immaginare ma importante da ricordare.

nintchdbpict000287429688

Caterina Perilli

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.