Dramma a Trieste, dove in un giardino condominiale del complesso Ater di Via Costalunga è stata trovata una neonata abbandonata apparsa subito in condizioni critiche. A segnalare la presenza della piccola, nata da poche ore e con ancora il cordone ombelicale attaccato, è stata una donna attorno alle 13.30 di ieri.

La piccola è stata trovata da una donna che usciva con i cani

La neonata abbandanata è stata trovata da una donna che portava a passeggio i propri cani nel giardino condominiale sopra ricordato. Secondo alcune fonti, sarebbero stati proprio gli animali a trovare grazie al loro fiuto il piccolo corpo della bimba nel verde dei cespugli. Subito dopo sul posto è intervenuta la polizia assieme al personale sanitario.

La bimba è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Burlo Garofalo. Le sue condizioni sono apparse subito molto gravi. A nulla è valso, purtroppo, il ricovero in terapia intensiva neonatale. La piccola è infatti deceduto poco prima delle 20.00 di ieri sera. 

La Squadra Mobile del capoluogo friulano ha avviato degli accertamenti in seguito al dramma. Di certo c’è che la zona dove è stata trovata la piccola non è molto frequentata, in generale solo dai residenti del complesso condominiale.

Gli investigatori stanno mantenendo il maggior riserbo possibile sulla vicenda. Ci sono però diverse piste in merito a chi possa essere stato ad abbandonare la piccola in una zona generalmente frequentata dagli abitanti di un condominio.

Un commento in merito a questa vicenda è arrivato dall’assessore regionale alla Salute. Maria Sandra Telesca ha definito la vicenda come ‘sconcertante’. Ha inoltre affermato che la situazione generale è ‘sintomo di un gravissimo disagio’. 

L’assessore alla Salute della Regione Friuli Venezia Giulia, commentando sempre questa tragedia, ha dichiarato di provare una grande tristezza al di là delle analisi, che spettano chiaramente agli inquirenti e alle autorità giudiziarie.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.